È un vasto altopiano a 1000 metri di quota a un’ora e mezzo di cammino dal centro, che ospita cavalli allo stato brado, greggi e mandrie. La principale attrazione è un castagneto plurisecolare circondato da alberi da frutta e da case contadine. Qui si coltivavano grano, patate, legumi.

Lungo il comodo sentiero che porta alle Settare, una serie di cartelli raccontano il territorio e le attività che vi si svolgevano in passato: dalla produzione di calce a quella del carbone, all’agricoltura di montagna, alla produzione di ghiaccio. Al termine del percorso c’è un’area di sosta attrezzata per escursionisti con tavoli e barbecue.  

 

Categorie: