La chiesa medioevale risale all’XI secolo e prende il nome dal fatto che era stata eretta su un piccolo poggio. Il nome crocetta deriva invece dalla croce disegnata sulla tunica dei monaci che la custodiscono dal 1603.

Nel piccolo cimitero accanto a questa chiesa era stato seppellito il corpo di Santa Rosa poi fatto riesumare da papa Alessandro IV che lo volle spostare in una chiesa più grande, oggi santuario di Santa Rosa. Dalla processione di questa traslazione nel 1258 ha avuto origine la processione che tutt’ora si celebra ogni inizio di settembre e che è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

Per la sua posizione su un pendio, si accede alla chiesa attraverso una doppia scalinata che parte da una piazzetta medievale dove si trova la Fontana della Crocetta. La scala a doppia rampa elicoidale è posteriore e risale al 1738.

La chiesa è stata poi distrutta dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale ed è stata poi ricostruita fedelmente all’esterno mentre all’interno si ritrova uno stile più moderno.

Categorie: