La piccola chiesa dalle linee semplici, si ritiene fosse stata costruita nel 1624 dopo la distruzione, nel 1557, di un’ancora più antica chiesa vicino Porta Romana.
Fu ampliata dal principe Pamphilj nel 1733, e in seguito restaurata altre volte, fino al 1914 ad opera di Monsignor Oreste Giorgi. L’ultimo restauro è quello post-bellico.
La chiesa presenta tre altari, quello maggiore dedicato a Santo Stefano, a destra quello alla Madonna di Loreto e a sinistra a Sant’Anatolia. Attualmente è una chiesa di rito ortodosso.

Categorie: