Il Festival Barocco “Alessandro Stradella” è un punto di riferimento per la musica barocca e in più di quarant’anni di storia ha ospitato artisti di alto livello internazionale e favorito la produzione e diffusione di opere inedite. In questi anni il festival è seguito da un attento e affezionato pubblico di amanti della musica, da chi è in cerca di qualcosa di originale come esecuzioni di veri maestri.
Il festival nasce nel 2017 dalla fusione di due festival di successo: il Festival Internazionale “Alessandro Stradella” di Nepi e il Festival Barocco a Viterbo. L’unione ha dato origine a una manifestazione più articolata, specialistica e dinamica. Grazie a questa fusione, si sommano le competenze, la professionalità e l’offerta al pubblico.
Una sezione è sempre dedicata in modo particolare alle opere del geniale compositore Alessandro Stradella, il Caravaggio della musica, personaggio affascinante nato a Nepi nel 1639 la cui vita avventurosa e romanzesca si conclude bruscamente a Genova per mano di un sicario nel 1683.
Il Festival Barocco “Alessandro Stradella” rappresenta una novità e svolge attività di ricerca, formazione, produzione, diffusione ed edizione musicale. Un progetto culturale che guarda al futuro coniugando l’attenzione per l’immenso patrimonio italiano e la valorizzazione dei nuovi linguaggi e delle nuove tendenze.
In questo modo favorisce l’avvicinamento e la sensibilizzazione dei giovani al linguaggio barocco e a quello contemporaneo anche attraverso la pratica dell’improvvisazione.
Il Festival è la base di The Stradella Project, un ambizioso progetto discografico dell’etichetta Arcana (Outhere) dedicato alla registrazione integrale delle sue opere, e dello Stradella Y(oung)-Project, un progetto di formazione e produzione musicale finalizzato all’inserimento dei giovani artisti nel mondo professionale.
Tra le novità delle ultime edizioni, uno spazio per le esibizioni di giovani compositori ed ensemble giovanili di successo internazionale, la presenza di composizioni contemporanee in ogni evento del festival e un concerto interamente dedicato ai linguaggi di oggi.
“Gli oratori di Stradella sono qui interpretati anche da giovani talenti musicali (Stradella Y-Project, ndr), un progetto esemplare nel panorama in frantumi della vita culturale italiana”.
La kermesse è prevista in suggestive location di Viterbo, Nepi, Caprarola, Sutri e altri luoghi della Tuscia e in alcune edizioni il concerto inaugurale si tiene a Roma presso il Parco della Musica nella prestigiosa Sala Petrassi.
La città universitaria di Viterbo e il territorio della Tuscia sono ideali alla musica barocca poichè sono ricchi di storia musicale, avendo dato i natali a molti grandi compositori come Alessandro Stradella, Virgilio e Domenico Mazzocchi, Marco Scacchi, Tullio Cima, Domenico Massenzio, Giovanni Boschetto Boschetti e a molti altri, questo fine.
Oggi il Festival barocco “Alessandro Stradella” è probabilmente il festival di musica barocca più grande d’Italia: oltre a più di 15 concerti, in programma ci sono anche seminari, masterclass, conferenze e registrazioni dedicate alla musica romana del XVII secolo.
La direzione artistica è di Andrea De Carlo. Un evento assolutamente da non perdere.
Categorie: