Il Cimitero Napoleonico è una imponente costruzione senza nessun richiamo architettonico culturale con il paesaggio circostante. Un’architettura compatta in pietra squadrata a faccia vista dalle linee elegantemente neo-classiche.

Il richiamo al cimitero si capisce dalla forma che richiama vagamente la “cassa da morto’.

All’interno, lungo le pareti, ci sono i loculi e nel sottostante pavimento a volta si intravede il vano che veniva utilizzato come fossa comune. Il terrazzo è quasi un richiamo al mitico cappello di Bonaparte.

E’ da supporre che il mausoleo cimiteriale fosse stato costruito a seguito della legge di Napoleone circa la regolamentazione delle sepolture, per l’igiene pubblica e un certo egalitarismo che evitasse le discriminazioni sociali. L’Editto di Saint Cloud è del 1806. I Francesi sono stati nella zona dal tempo della Repubblica Partenopea, nel 1799, fino a tutto il periodo muratiano, concluso nel 1815, con la restaurazione borbonica.

Categorie: