Camerata Nuova è un piccolo comune nel Parco dei Monti Simbruini a confine con l’Abruzzo. Il suffisso ‘Nuova’ deriva dal fatto che il paese è stato completamente ricostruito nel 1859 dopo un incendio. Le rovine della vecchia Camerata sono ad una quota più alta in montagna, a 1230 metri circa, dove le case erano composte da ‘camore’, ossia stanze nella roccia.

La costruzione del vecchio centro risale all’anno mille e la scelta di costruire un borgo in montagna attorno ad un castello era dovuta alla ricerca di un riparo dalle scorrerie dei barbari.

Per anni il territorio di Camerata è stato conteso fra le abbazie di Montecassino, di Tivoli e di Subiaco che, per un certo periodo, lo hanno affidato alla famiglia dei Conti dei Marsi.

Camerata ha visto un intenso fenomeno del brigantaggio e i briganti erano visti come eroi popolari che proteggevano gli abitanti dalle infiltrazioni straniere. Qui passava il confine fra lo Stato Pontificio e il Regno Borbonico e l’incendio che distrusse il paese potrebbe essere stato appiccato da una delle due fazioni.

Camerata Nuova è stata costruita più a valle, sul monte Colle grazie al contributo personale di papa Pio IX,

Camerata Nuova è stata lo scenario della serie di film ‘Lo chiamavano Trinità’ con Bud Spencer e Terence Hill.

Categorie: