Castelforte si trova su un terrazzo naturale di roccia calcarea che domina la piana del fiume Garigliano fino al mar Tirreno.

Castelforte è sorto sulle rovine dell’antica città di Vescia distrutta dai romani nel 340 AC. Le terme romane Terme Vescinae erano dove sono le Terme di Suio ed erano molto frequentate in epoca Imperiale.

Il borgo medioevale attuale, il Castrum Forte, si formò invece intorno al 1000 come rifugio degli abitanti in cerca di protezione e l’impostazione urbana è quella tipica di una piazza d’armi. Si nota la cinta muraria con torrioni, la porta di accesso e l’imponente maschio, punto di avvistamento e di comunicazione con le altre fortificazioni.

L’altro castello di Castelforte era quello nella frazione di Suio che era di proprietà del monastero di Montecassino.

In queste aree sul Garigliano, nell’agosto del 915 furono definitivamente sconfitti i Saraceni dalle truppe della Lega voluta e comandata da Papa Giovanni X (a cui partecipavano anche Longobardi e Bizantini).

Nel 1079 è definitivamente nei possedimenti della Signoria di Montecassino. A partire dal XIII secolo è entrata nei possedimenti dei conti Dell’Aquila, signori di Fondi e di Traetto. In seguito ha visto il passaggio delle famiglie Caetani, Colonna e Carafa.

Durante l’invasione napoleonica si ribellò a Napoleone e venne espugnata dalle truppe franco-polacche del generale Dombrowski.

Durante la seconda guerra mondiale è stata rasa al suolo nei combattimenti tra tedeschi e alleati lungo la vicina linea Gustav.

Categorie: