Si chiamava originariamente Caere e nel XII secolo diventò Caere Vetus (Cerveteri) per distinguerla da Caere Novum (l’attuale Ceri).

La città ha una storia molto antica desunta dalle necropoli etrusche. Nel periodo greco godeva di prestigio per il valore dei suoi abitanti e perché non era dedita alla pirateria; per questo è stata l’unica città etrusca ad erigere un proprio thesauros a Delfi.

Virgilio narra che qui Enea riceve le armi sacre da sua madre Venere e Cerveteri poi influenzerà la cultura di Roma.

La città si trova su un pianoro con ripide rupi a strapiombo integrate, a tratti, dalle mura della città sulle quali si aprivano almeno dieci porte. Il centro storico è medievale ed è dominato dal castello Ruspoli che ospita il museo etrusco.

 

 

Categorie: