10-11 Nov: “La Fiera per le Pro Loco” a Pomezia

Potevamo mancare? Seguiamo le attività delle Pro Loco da mesi ogni giovedì con la nostra newsletter. Raccontiamo le loro feste, le loro attività. Ma anche la pioggia che rinvia gli eventi e le disavventure.

Andiamo a fare fotografie, mangiamo i piatti tipici delle tradizioni locali e viviamo con loro la gioia della scoperta di borghi sconosciuti, gioielli che meritano di essere conosciuti.

Le sagre e le feste locali, ma anche le processioni religiose, hanno un potere evocativo particolare e rappresentano quella esperienza di stile di vita italiano che molti stranieri cercano nel nostro paese.

Ben venga allora questa fiera per professionalizzare le Pro Loco, perché se le feste vengono organizzate con maggiore cura e con una buona comunicazione allora possono essere attivatori di una economia locale legata al turismo.

E nel processo di crescita la comunicazione deve occupare un ruolo importante perché oggi è spesso limitata alle locandine che vengono pubblicate una settimana o due prima dell’evento. Una locandina può servire ad avvisare le persone che in qualche modo già sono in contatto con noi ma non può essere attivatrice di turismo e non emoziona.

Per esprimere le emozioni che vivono le Pro Loco e che fanno vivere a chi partecipa alle loro feste servono le storie. Servono racconti scritti con il cuore ma anche conoscendo le tecniche di scrittura digitale.

E servono storie scritte anche in altre lingue perché milioni di turisti stranieri aspettano solo di essere invitati a condividere con loro le emozioni di una sagra in Italia!

Il nostro intervento alla ‘Fiera Nazionale degli Eventi’ sarà sabato pomeriggio e avremo un tavolino dove potremo raccontarvi quello che facciamo e potrete iscrivervi alla nostra newsletter.

Guida di Pomezia

Pomezia è una ‘Città di fondazione’ ossia uno dei dell’Agro Romano fondato da Mussolini dopo la bonifica delle paludi pontine. […]