14 set: Albano Strategica, riunione del comitato scientifico

Siamo sempre contenti di andare alle riunioni del comitato di Albano Laziale, si incontrano tante persone interessanti ma soprattutto si impara dall’analisi dei dati dei protagonisti del piano.

Una città che deve trasformare la sua economia e la sua struttura sociale orientandosi sempre di più verso un centro di servizi al turista. Ma che tipo di turista? Certo non quello di massa legato a tour operator o ad associazioni organizzate. Non c’è la recettività ma soprattutto ormai solo meno del 20% si affida ad agenzie e la maggior parte di coloro che viaggiano scelgono un viaggio in modo indipendente andando sul web.

I dati sull’andamento del turismo in Europa e in Italia ci dicono che sempre di più sono i turisti indipendenti.

Oggi la riunione riguardava le prime conclusioni dopo gli incontri con gli stakeholders e i primi dati raccolti in qualche mese di lavoro.

Una situazione complessa soprattutto per la posizione di Albano Laziale che la vede come un imbuto attraverso il quale passa gran parte della mobilità di tutti quelli che dai castelli vanno verso Roma.

Ma il dato più sorprendente è quello del livello di istruzione dei residenti. Un dato sorprendentemente basso che ci lascia riflettere sulle azioni da intraprendere. Il rischio è che il livello di istruzione del turista sia talmente più alto da creare una barriera. Il rischio è quello di apparire sempre di più come gli italiani raccontati nelle barzellette all’estero… gente “pittoresca”. “Ahi Ahi Salvatore che mi piace tutte l’ore!” diceva Montesano che imitava una signora inglese in un programma televisivo di tanti anni fa..

Guida di Albano Laziale

Albano Laziale si trova lungo la via Appia e deve il suo nome alla famosa città di Albalonga, la mitica […]