Ariccia dei Chigi e i loro trattamenti speciali

Era l’ultima sera d’estate ad Ariccia, la città dei Castelli Romani legata inestricabilmente ad Albano Laziale da uno straordinario ponte a tre livelli che attraversa la voragine sottostante.

Avevo guidato per raggiungere la Via Appia ad Albano Laziale e ora mi trovavo sull’estremità di Albano e guardavo stupefatto. Da questa parte il traffico arriva da Roma e sul lato di Ariccia striscia per andare a Genzano, poi a Nemi e Velletri. Ma i piaceri che cerchiamo sono ad Ariccia.

Venendo da Albano a piedi, come ho fatto io, avendo trovato per fortuna un posto di parcheggio, ho invitato la mia compagna a riposare un po’ alla bancarella “formaggi e vini” per assaggiare l’ultimo boccone ad Albano prima di attraversare quello che un tempo era conosciuto come il ponte dei “suicidi”.

Ora il ponte protegge quei cercatori dell’eternità con una rete infilata a pochi metri sotto il parapetto. Nondimeno, per me la sensazione di vertigini è reale mentre guardo oltre il muretto: la rete ce la farebbe a contenermi?

Quindi, sopravvissuto alla tentazione mortale e all’ammirazione del grande ponte ad arco, che altro cercano i visitatori ad Ariccia?

Di gran lunga l’altro sito più conosciuto è il grande palazzo della famiglia Chigi, in piedi lungo la strada appena oltre il ponte. Ma per i romani che guidano in città è semplicemente un punto sulle loro ricerche per la perfetta ‘porchetta’ – il prodotto IGP di Ariccia.

Per noi, questa sera, il palazzo attira la nostra attenzione. Dalla metà del 1600 è stato conosciuto come il ritiro estivo e del fine settimana dei Principi Chigi. Normalmente la loro casa era in Piazza Colonna a Roma, vicino ai palazzi delle altre famose famiglie che hanno fatto la storia medievale e rinascimentale.

Di fronte al palazzo, che ora è sotto la protezione della città, si trova la chiesa a cupola progettata dal grande architetto Bernini ma che oggi ha un sapore diverso dalla religione. Su ogni lato della facciata, si trovano bar che si sono moltiplicati per saziare il gusto e la sete di locali e dei visitatori nelle calde serate: Sacro e Profano.

Se ti è concesso il piacere di una visita all’interno del palazzo scoprirai che questa magnifica residenza è stata per qualche tempo, niente altro che una casetta di caccia (Barco) per la famiglia e gli amici dei principi.

Erano già ricchi, ma diventano famosi in tutto il mondo quando, a metà del XVII secolo, i Chigi, come la maggior parte delle grandi famiglie italiane, “diedero alla luce” un papa. Prese il nome Alessandro VII.

Lasciatemi raccontare un po’ di più sul “casino di caccia”. Nella parte posteriore del palazzo che sale sulla cima delle basse colline, un po’ più di 500 metri, si trova una foresta verdeggiante. Il bosco sacro: 28 ettari di quello che un tempo era il più grande “nemus aricinum” (boschetto di Ariccia) consacrato alla dea Diana.

Questa zona ospitava una volta gli animali “selvaggi”, oggetto della caccia. Fino a poco tempo fa, credo, ma non sono sicuro, la foresta era la casa di un branco di “caprioli” che sono stati trasferiti altrove per scoraggiare la loro abitudine di masticare la base dei tronchi d’albero – un modo naturale di fare la ‘cercinatura’ (la rimozione della corteccia).

Stando di nuovo sulle scale nella parte anteriore del palazzo, sono attratto dal motivo per cui i romani si affrettano a venire a cena ad Ariccia: l’aroma del maiale arrosto.

Se segui il tuo naso come ho fatto dall’ingresso del palazzo verso il centro di Ariccia, troverai 4 o 5 scalini che portano a una “grotta del vicolo del porco”, un ingresso molto stretto per un ristorante di “porchetta”, Antico Grottino.

Non scappare! Rimani ad assaggiare la degustazione raffinata offerta dal team del Grottino e a sorseggiare un bicchiere di vino bianco selezionato dalla casa.

Il motivo della visita?

Nel fine settimana si può fare una visita speciale al Palazzo organizzata da guide turistiche e attori che raccontano alcune vecchie storie in modo originale. Nelle stanze e nelle scale del palazzo, alcuni attori rappresentano i momenti importanti della storia della famiglia Chigi (che è anche la storia di Roma).

Suggestivo!

Tornerò un po’ più avanti in autunno per vedere più di Ariccia e sicuramente per fare una passeggiata nella foresta che i “grandi turisti” hanno apprezzato e artisticamente raccontato così tanto.

Non so se sia meglio ammirare l’architettura e la natura di Ariccia dei Chigi o semplicemente assaggiare le meraviglie culinarie di Ariccia di Roma?

Guida di Ariccia

Forse fondata nel 2750 AC da Teseo, fondatore di Atene, solo nel 338 ottenne la cittadinanza romana. Ariccia era una […]