A Carnevale tra Chiacchiere e Bugie (frappe classiche e ripiene)

Per me il carnevale è sempre stato un giorno lungamente atteso, e l’attesa cresceva esponenzialmente con l’avvicinarsi della data dei festeggiamenti.

Il perché una persona, specialmente quando si è bambini, ama questa giornata di festa è presto detto: è un giorno di pura goliardia e divertimento dove quasi si annullano preoccupazioni e impegni per festeggiamenti spensierati e all’insegna dello scherzo. Ma oltre ai colori, agli scherzi e ai costumi, c’è un altro ricordo, un’altra peculiarità di questo giorno di festa che mi ha sempre fatto amare il carnevale.

Si tratta dei dolci.

I dolci che da sempre mi hanno accompagnato durante questa giornata sono le chiacchiere (le frappe come le si chiamano a Roma), un dolce leggero e goloso, dolce e croccante, che potresti mangiare in grandi quantità per la loro bontà. Insieme a queste poi, c’è anche la varietà ripiena, dove con il ripieno ci si può sbizzarrire. Oggi vi propongo queste due ricette, così come ce le tramandiamo di genitore in figlio da innumerevoli generazioni.

Buon carnevale, e ricordatevi: a carnevale ogni scherzo vale!


Per la ricetta delle chiacchiere

 

Per prima cosa mettete fuori dal frigo 40gr di burro e lasciate che si ammorbidisca a temperatura ambiente. Ora amalgamate 500gr di farina 0 insieme a 5gr di lievito in polvere in una ciotola capiente. Aiutatevi mescolando con una forchetta per far sì che il lievito si mescoli adeguatamente alla farina.

Unite ora 80gr di zucchero e 4 uova (3 intere e un tuorlo) e un cucchiaino di sale. Dovrete raggiungere una consistenza liscia e morbida, al punto da potervi affondare senza difficoltà un pollice.

Lasciate riposare l’impasto avvolto nella pellicola a temperatura ambiente (non superiore ai 22°, altrimenti il burro potrebbe separarsi e renderebbe difficile stendere l’impasto) per 1 ora.

Trascorso questo tempo dividete l’impasto in 5 porzioni e tiratelo con il mattarello fino a raggiungere uno spessore quanto più fino possibile, arrivando ad uno spessore di 2/3 mm.

Per tirare la pasta cospargete di farina un piano di lavoro quanto più liscio possibile (una spianatoia di legno sarebbe l’ideale) e infarinate anche il mattarello.

L’ideale sarebbe usare un tirapasta regolabile. Una volta tirata la pasta tagliate dei rettangoli con la rotella dentata (5x10cm ad esempio) e lasciate riposare ancora una decina didi minuti. Intanto riempite un pentolino di olio per fritture (semi di arachide o alto oleico sono i migliori, poiché hanno un alto punto di fumo) e portate a 150/160 gradi.

Ora potete immergervi i vostri rettangoli di pasta e friggeteli per 3 minuti (attenzione a non immergervene troppe altrimenti potrebbe strabordare l’olio), dopodiché scolateli su carta assorbente e ultimate cospargendoli con dello zucchero a velo.


Per le bugie (chiacchiere ripiene)

 

Usando lo stesso impasto della ricetta per le chiacchiere dividetelo sempre in 5 porzioni e stendetelo fino a raggiungere uno spessore di 2/3 mm.

Ora però dividetelo in quadrati di 8×8 cm e su una metà mettete un cucchiaio di crema pasticcera (o del ripieno che preferite, marmellate o creme). Ripiegate il quadrato di pasta e passate la rotella dentata sui 3 angoli “aperti”.

In questo modovi ritroverete un rettangolo ripieno di crema con tre lati dentati. Fate riposare dieci minuti in frigo e friggete in olio caldo (150/160°) per 3/4 minuti, finché non cambieranno colore, imbrunendo e arrivando ad un color rame.

Scolatele le chiacchiere ripiene su carta assorbente e cospargete di zucchero a velo.

 

Guida di Colleferro

Colleferro nasce ufficialmente nel 1935 con la donazione di terreni da comuni limitrofi. Il centro urbano era nato attorno ad […]

Guida di Sora

Sora è stata fondata dai Volsci lungo il fiume Liri e conquistata da Roma nel 345 AC e nel 303 […]

Guida di Piedimonte San Germano

La zona di Piedimonte fu utilizzata in epoca romana sia per il pascolo montano sia per le ricche aziende agricole. […]

Guida di Esperia

Esperia nasce nel 1867 dalla fusione dei comuni di Roccaguglielma e San Pietro in Curolis. Roccaguglielma fu fondata in età […]

Guida di Coreno Ausonio

Il paese è sorto lungo una strada pedemontana di collegamento interna ai monti aurunci non molto fertile anche per la […]

Guida di Castrocielo

Le origini di Castrocielo risalgono al VI secolo DC quando, dopo le distruzioni dei Longobardi, gruppi di famiglie da Aquino […]

Guida di Villa Santo Stefano

Questa area era abitata fin dalla preistoria come si rileva dai reperti di ceramica acromica e a vernice nera. Una […]

Guida di Villa Santa Lucia

Il paese è medioevale ed è arroccato su un costone del monte Cairo. Nella zona si trovava l’antico insediamento di […]

Guida di Trevi nel Lazio

Trevi nel Lazio deriva il suo nome dal termine treba (trivio) per la sua posizione su tre vie di comunicazione […]

Guida di San Giorgio a Liri

San Giorgio a Liri si trova tra i monti Aurunci ed il fiume Liri, a cui deve il nome, ed […]