Festival di musica popolare in Ciociaria: dove ballare in piazza

Una sera d’estate, visitando uno dei paesi della Ciociaria, potrebbe capitarti di essere attratto da una musica antica e di aver voglia di ballare in piazza.

Basta lasciarsi trasportare dal ritmo della musica per immergersi in una magica atmosfera ed entrare nel mondo delle famose tradizioni ciociare. Sei capitato in un festival di musica popolare.

Un festival consiste in una o più giornate di musica e d’estate i borghi della Ciociaria e del Lazio diventano palcoscenico di ritmi e danze del centro-sud Italia, soprattutto del saltarello.

I festival di musica popolare in Ciociaria sono tutti gratuiti e sono un’opportunità per ascoltare, partecipare e ballare in piazza ai concerti. E non solo. Nel corso di queste rassegne il visitatore può fare esperienze di pratica con la musica popolare.

Può imparare a suonare uno dei tanti strumenti musicali tradizionali, imparare alcuni passi delle danze popolari. Può svagarsi in percorsi gastronomici e divertirsi in spettacoli di musica itinerante nelle vie del centro del paese. Può vedere mostre di strumenti musicali tradizionali, mostre-mercato di eccellenze casearie, mostre-mercato di artigianato.

E ancora: seguire convegni di musica popolare o sentire le storie sui prodotti tipici, fare escursioni guidate nella natura, visitare palazzi storici aperti al pubblico proprio in occasione dei festival.

Quello che colpisce è l’amore e la passione dei musicisti per le tradizioni della propria terra. Questi artisti hanno ricercato la musica e le danze tradizionali del Lazio meridionale per riproporle con un nuovo stile originale che regala sensazioni vivaci al pubblico.

Oltre ai festival, in Ciociaria è possibile ascoltare buona musica in molte altre manifestazioni e sagre, praticamente ogni paese ospita eventi con gruppi musicali ed è possibile ballare in piazza con le musiche tradizionali.

E ora si parte per il viaggio nei festival di musica popolare in Ciociaria. E’ un elenco in ordine sparso poiché ogni festival è particolare e diverso dall’altro, con il link alla loro descrizione dettagliata per chi vuole fare un viaggio musicale alla scoperta dei territori.

Ognuno di questi festival vale la pena di essere vissuto almeno una volta.

Guida di San Donato Val di Comino

La storia di San Donato Val di Comino inizia con l’insediamento sannita di Cominum, distrutto dai romani nel 293 AC, […]

Guida di Ripi

Il nome Ripi deriva dal latino ripa che significa riva e che forse si riferisce ad un lago ora scomparso. […]

Guida di Pofi

Nell’area sono state trovare molte tracce di uomini preistorici e sicuramente era abitato dai Volsci. Durante la Roma repubblicana in […]

Guida di Picinisco

Le origini di Picinisco sono molto antiche e si possono trovare tracce di mura poligonali. L’area era abitata dai sanniti […]

Guida di Monte San Giovanni Campano

Nell’area si trovava l’antico insediamento sannita di Cereate Marianae, oggi Casamari, ma il borgo attuale si forma nel medioevo quando […]

Guida di Villa Latina

Villa Latina deve il suo nome alla presenza di importanti resti archeologici romani: resti di una villa, di terme e […]

Guida di Boville Ernica

La città medioevale è caratterizzata da una cerchia di mura con 18 torri medievali e si trova sulla sommità di […]

Guida di Arce

Arce si trova ai piedi del monte Arcano lungo la Valle del Liri, e qui aveva una villa il fratello […]

Guida di Acquafondata

Acquafondata è un piccolo centro della Val Comino che è stata costruita sul fondale dell’antico lago chiamato ‘Vitecosum’ e si […]

Guida di Acuto

Situato sui monti Ernici, nel corso dei secoli ha una storia di odio-amore con la vicina Anagni. La loro rivalità […]