La Terra Pontina e la Ciociaria di Latina è un luogo speciale per gli appassionati di musica, una terra dalle rinomate tradizioni culinarie e splendidi panorami. Visitare la provincia di Latina è anche un’occasione per scoprire il fascino dei luoghi storici e le tradizioni musicali di cui è ricco il Basso Lazio.

I festival di musica popolare in provincia di Latina sono tra le rassegne musicali più importanti in Italia e accendono sia l’inverno che l’estate regalando sensazioni vivaci al pubblico. In quelle occasioni i suonatori di zampogne, pive e ciaramelle, passeggiando, diffondono nelle vie dei pittoreschi borghi musiche che fanno parte dello stile unico di questa zona.

Alle feste di musica popolare partecipano anche i gruppi folk locali che regalano interpretazioni autentiche, originali, spontanee e invitano il pubblico a ballare con gioiosa vitalità. Canti e balli con tarantelle e saltarelli, momenti gioiosi e balli coinvolgenti.

In occasione dei festival di musica classica, invece, i centri storici, le chiese e i castelli diventano il palcoscenico di concerti che fanno vivere la magia di luoghi incantevoli immergendosi nella musica.

Qui le manifestazioni di musica classica riuniscono artisti e appassionati di musica e ai concerti si possono apprezzare esibizioni di orchestre e formazioni cameristiche che presentano prime esecuzioni assolute e rarità.

Foto di Cesare Galanti

Ci sono anche rassegne di musica classica particolari e di grande spessore come i concerti di organo che fanno conoscere questo nobile strumento e il suo repertorio e avvicinano il pubblico alla musica classica in modo originale. Un genere musicale con tradizioni lontane e con un immenso patrimonio organario in molte chiese del basso Lazio.

Oltre a partecipare ai concerti, di cui la maggior parte gratuiti, durante i festival di musica popolare e classica ci sono interessanti esperienze per il visitatore. Si possono visitare mostre-mercato di liuteria tradizionale dove acquistare strumenti musicali, oggetti tradizionali e attrezzi di uso pastorale legati al mondo della zampogna.

Si può entrare in contatto diretto con importanti liutai e costruttori di strumenti musicali.

Per conoscere da vicino la musica popolare è consigliabile partecipare a seminari gratuiti tenuti dagli stessi suonatori, mentre gli studenti di musica classica possono seguire corsi tenuti da ottimi insegnanti.

Tra le altre esperienze che si possono vivere nel corso dei festival ci sono anche novità per gli artisti più giovani, che con alcune esibizioni aprono i concerti di artisti affermati.

E ancora: vedere proiezioni di documentari, visitare mostre fotografiche, partecipare alla presentazione di libri, incontrare scrittori che raccontano la storia dei briganti nel territorio del basso Lazio, fare escursioni sui Monti Aurunci con passeggiate a cavallo, con gli asini, in mountain bike, raggiungendo le vette dei Monti Aurunci per osservare il volo delle poiane, e molto altro. Che aspetti a venire?

E ora si parte per il viaggio nei festival di musica popolare e classica nelle Terre Pontine.

È un elenco in ordine sparso, con il link alla loro descrizione dettagliata per chi vuole assistere ad una delle rappresentazioni.

Ogni festival è particolare e diverso dall’altro. Ma ognuno di essi vale la pena di essere vissuto almeno una volta.

 Festival di Musica Popolare

Festival di Musica Classica