Sofia Loren non fa certo parte dell’Italia sconosciuta. E’ la più famosa attrice del cinema italiano, con quasi 100 presenze, ed ha anche l’onore di essere il soggetto (e non solo oggetto) dell’adorazione di uomini da tutti i paesi ed età della vita, dal relativamente giovane agli anziani che la possono ancora ricordare.

Per molti Sofia Loren si classifica come la donna perfetta. E molti capiscono nei loro cuori famosa frase di Sofia: “Il sex-appeal è al cinquanta per cento quello che hai e al cinquanta per cento quello che la gente pensa che hai”.

Allora, chi è la donna della Ciociaria? La Ciociara prende vita come un libro di Alberto Moravia nel 1957 poi diventato un film diretto, da Vittorio De Sica e prodotto da Carlo Ponti nel 1960, interpretato da Sofia nel ruolo di una vedova in Ciociaria, verso la fine della seconda guerra mondiale, che cercava di proteggere sua figlia.

Non è il classico film sensuale con protagonista una bella signora, ma un film un po’ tragico e reale in cui la nostra eroina ha rivelato il suo talento di attrice al mondo. Il film è diventato la prima produzione di lingua non inglese ad aver ottenuto un Oscar per l’interpretazione di Sofia. Eppure quasi uniformemente, gli anglofoni non conoscono La Ciociara perché il film è stato re-intitolato ambiguamente “Due donne” per il pubblico americano.

Sofia Loren è stata scelta per molti film con gli eroi del grande schermo, Cary Grant, Clark Gable, Marlon Brando ecc ecc ecc Le sue opportunità di essere una amante sullo schermo sembravano non finire mai ma, dalla fine degli anni ’50, la sua vita sentimentale ruotava quasi esclusivamente intorno a Carlo Ponti. Forse questo riflette la sua eredità napoletana? Certamente non era un accordo dovuto a insicurezza finanziaria o alla mancanza di pretendenti e venditori.

Sofia sembra essere una donna pragmatica: “Tutto ciò che vedete lo devo agli spaghetti” è sicuramente inutilmente umile, infatti non conosco nessun altra signora meridionale italiana che può vantare tale successo con questo pasto preferito. Penso che la seguente citazione sia una verità lapalissiana: “Devi essere nato un sex-symbol. Non si diventa tale. Se sei nato tale, lo sarai anche a 100 anni”.

Certo, il punto di vista di Sofia che: “un abito di una donna dovrebbe essere come un recinto di filo spinato: servire il suo scopo senza ostruire la vista” è una sfida che la maggior parte degli uomini sarebbero stati entusiasti di provare con delle tronchesi sensuali.

Sofia Loren ha mostrato il suo essere senza tempo come attrice quando, circa 28 anni dopo La Ciociara, ha interpretato di nuovo il ruolo di Cesira in un remake televisivo. Ora basta 81, la signora porta la sua età con la magnificenza e Sofia è un riflesso positivo della sua dichiarazione che:

“Non ho mai cercato di bloccare i ricordi del passato, anche se alcuni sono dolorosi. Non capisco le persone che si nascondono dal loro passato. Tutto ciò che si attraversa vivendo contribuisce a renderti la persona che sei ora”.


Gavin Tulloch

Scienziato e poeta. Ama la chimica, il vino, le donne e l’opera, ma non sappiamo in quale ordine