Brescia Antica e Moderna: un Monopoli con Proprietà Desiderabili


Brescia è stata una città importante per oltre 3.200 anni, una con una storia commerciale e politica emozionante.

Eppure in qualche modo non sembra attrarre i turisti per queste ragioni, così come accade per altre città italiane, tranne forse i visitatori che ricercano eccellenze industriali e la Mille Miglia. Brescia è una città tecnologia a cui è stata concessa la fortuna di avere accanto una grande bellezza naturale, ai piedi delle Alpi in una posizione che è stata la sua fortuna nel corso della storia.

Per molti ora è solo di una fermata del treno o una bretella autostradale sulla strada per Milano o Venezia, una città tentacolare vicino a luoghi di vacanza come il Lago di Garda e il Lago d’Iseo. La stazione ferroviaria, come la maggior parte delle stazioni, non fornisce alcuna idea al viaggiatore di ciò che può trovare se cerca di andare dietro la facciata.

Prendi un ‘rischio’ e gioca una ideale partita di Monopoli su Brescia. Metti il tuo birillo sul Via e getta i dadi per un biglietto alla stazione di Brescia. I migliori immobili di Brescia per il turista indagatore sono nella città vecchia, a soli 5 minuti di taxi dalla modesta stazione. Prenotate una camera in uno degli ottimi alberghi, forse il Vittoria che si trova al centro tra le belle piazze che compongono questa tavola del Monopoli della città.

Lo abbiamo fatto e, in una bella notte d’estate ci siamo seduti sulla terrazza, godendo di un vino bianco regionale in attesa della semifinale di calcio Euro 2016. Siamo stati praticamente sopraffatti dall‘incombente ‘Duomo Nuovo’, in realtà dall’altra parte di una di quelle piazze. Questa chiesa ‘Nuova’ è stata avviata nel 1604 su progetto di Palladio, e non è stata finita per due secoli.

La mattina seguente, dopo una prima colazione, abbiamo gettato di nuovo i dadi per atterrare sulla nuova cattedrale. Era abbastanza presto per unirci alla Messa del mattino con la normale ‘folla delle messa’: le suore dell’annesso convento, le donne locali che si preparano per la loro spesa alimentare, questo turista, e un uomo d’affari occasionale, vestito con una borsa a tracolla, che cercava la benedizione di Dio per i suoi affari o per i calvari legali della giornata.

Il Duomo Nuovo e Brescia sono insoliti. Il duomo si trova vicino al Duomo Vecchio, una rotonda dell’XI secolo. E ‘intatta, a differenza di molti altri duomi che sono stati cannibalizzati nella costruzione delle nuove strutture. Ma questo nuovo era un disegno Palladio, e prostituire le sue opere con materiali di seconda mano non era nel suo stile.

Eppure, forse si sarebbe potuto risparmiare un secolo o più nella sua costruzione se fossero stati usati materiali con specifiche un po’ più modeste, ma poi … … Tuttavia, il Duomo Vecchio è stato costruito su una preesistenza Romana. Quando arrivate sulla piazza dei duomi, assicuratevi che li visitate entrambi e, prima di lanciare ancora una volta i dadi, è possibile trovare un’altra sorpresa alla sinistra del Duomo Nuovo, guardate il campanile.

Sul lato opposto dell’Hotel Vittoria, appena a pochi passi, c’è un altra grande piazza con un’architettura ancora più inaspettata e straordinaria. Solo due edifici dominano questa piazza. Uno è quello che potrebbe essere descritto solo come un ‘edificio’. Sono le “Poste e Telegrafi”, in piedi come una moderna fortezza inespugnabile a proteggere le comunicazioni.

Diagonalmente opposta, si trova un’altra costruzione unica nota come Torrione, il primo cosiddetto grattacielo in Italia. Nessuna descrizione può competere con l’emozione di stare in piedi davanti all’edificio mentre notiamo l’ultimo esercizio bresciano in architettura moderna: l’ingresso alla metropolitana. Una insolita tripletta anche per una tavola del Monopoli.

Per questa prima esperienza in città, c’è solo un altro dadi tiro e una piazza più, Piazza della Loggia, con l’imponente rinascimentale Palazzo Della Loggia (Comune) terminato da Palladio, forse questo è dove era andato a finire il denaro. Dall’altra parte della piazza si trova un visivamente emozionante paradossale orologio astronomico con la sua misurazione in 24 ore sul quale ci sono due automi antropomorfi in rame che battono le ore su una campana’.

Sì, c’è molto di più, abbiamo visitato meno di un quarto delle piazze, solo quelle nei pressi dell’Hotel Vittoria. Non abbiamo ancora assaggiato la storia antica di Brescia, dei suoi teatri, della basilica e del paesaggio. Dobbiamo rimanere e gettare i dadi ancora un paio di volte.