Nel mese di agosto intorno a Roma i piccoli paesi pullulano di splendide manifestazioni. Paliano si trasforma per continuare i festeggiamenti del suo principe Marcantonio Colonna e della vittoria di Lepanto nel 1571 con un corteo in raffinati abiti storici e un Palio dell’Anello con cavalli che corrono lungo le vie cittadine.

“I paesi intorno a Roma hanno storia, ville, palazzi e manifestazioni che sono lo specchio della sua grandezza e permettono al visitatore di godere esperienze italiane uniche a dimensione umane. Mentre i romani sono “assuefatta” alle bellezze storiche, i piccoli comuni sono ancora emozionati e tutta la popolazione partecipa agli eventi mostrando il meglio di se” – queste sono le parole di Antonello Campoli presidente dell’Associazione Palio di Paliano.

La manifestazione storica di Paliano è inserita fra le 48 riconosciute ufficialmente dalla Repubblica Italiana e fra quelle Europee.

Il suggestivo centro storico si anima gioiosamente. Si aprono le cantine lungo i vicoli e tutti sono indaffarati: alcune mostrando pezzi della storia locale, altre offrendo cibo locale. Ogni cantina è gestita da un rione o da una associazione locale e fra i volontari si trovano tutti i “notabili” del paese. Per un turista, il vero risultato è quello di vivere una esperienza italiana senza intermediari e finzioni.

La storia del Palio

Il Palio di Paliano trae ispirazione dai festeggiamenti tributati a Marcantonio Colonna (ammiraglio della flotta Pontificia) per la vittoria a Lepanto contro i Turchi. A fine Cinquecento la Repubblica di Venezia, lo Stato Pontificio, la Spagna, l’Austria e Genova avevano creato una Santa Alleanza per contrastare l’avanzare dei Turchi e, quindi, dei musulmani.

Per ritardi diplomatici dovuti agli accordi fra gli alleati, lo scontro fu rinviato di un anno e questo forse è la chiave del successo. Per una volta le “chiacchiere italiane” sono state la chiave di svolta della storia. Il tempo, infatti, ha dato la possibilità di realizzare incredibili armature a protezione dei soldati e a Venezia di costruire delle navi di nuova concezione, le galeazze. Grandi e lente navi ma con la particolarità di essere dotate di cannoni a 360 gradi e di poter quindi sparare in ogni direzione a raffica.

A Lepanto, una piccola isola greca nell’Adriatico, le due flotte si scontrarono e in poche ore fu invertito il senso della storia e fu fermata l’avanzata musulmana in Europa per molti secoli a venire. Tanta era la gioia del Papa, che Marcantonio Colonna diventò un eroe assoluto e gli venne permesso di sfilare in corteo per le vie di Roma seguendo gli usi degli antichi imperatori romani.

Questo corte, descritto in lettere e in dipinti nella fortezza di Paliano, è quello che viene riproposto ogni agosto partendo dall’antico forte (oggi carcere di sicurezza) che domina la pianura di Roma e la protegge lungo tutto il lato sud-est.

Le attività collaterali

In questi quasi venti anni di attività, l’associazione Palio di Paliano ha allargato le sue attività non solo nelle rievocazioni storiche ma nella riscoperta di colture, piatti tipici e artigianalità. Le vie del centro si riempiono con piccoli artisti e artigiani che espongono le loro creazioni e che aggiungono valore raccontando la loro storia artistica e personale (che in genere sono intrecciate). Si parte dalle lavorazioni in vetro e ceramica a quelle di moda con le fresche creazioni di stilisti ed artigiani del luogo.

L’amore per la riscoperta delle proprie radici ha fatto rinascere le colture di “grano monococco”, una antica varietà con dalle proprietà idonee agli intolleranti al glutine. Mentre nelle campagne sono nati allevamenti di asine per la produzione di latte per alimenti e per una linea di bellezza da far invidia alla Regina Cleopatra che faceva il bagno in latte di asina. Paliano è diventata rinomata anche per un allevatore di farfalle che le spedisce in tutto il mondo per regalare una esperienza indimenticabile a sposi e ospiti.

Nella migliore tradizione, i festeggiamenti si chiudono il giorno di San Rocco con mirabili fuochi di artificio che partono proprio dal centro storico e nei quali ci si sente immersi. Paliano ad agosto è una esperienza italiana da provare.


Claudia Bettiol

IT
Ingegnere, futurista e fondatrice di Discoverplaces. Blogger specializzato nella sostenibilità e nella promozione culturale dei piccoli territori e delle piccole imprese. Ama i cavalli

ENG

Engineeer, futurist, joint founder of Energitismo and founder of Discoverplaces. Blogger specialising in sustainability and in cultural promotion of small places and small enterprises. She loves horses