Scorrendo lungo il fiume Liri, sport e cultura uniscono tutti i paesi

Il fiume Liri ha segnato la vita di due regioni ed oggi segna la loro rinascita con un evento che coinvolge 15 comuni e tutta la loro popolazione. Scorrendoconilliri è sport e cultura in un abbraccio che rende la manifestazione una delle più emozionanti e coinvolgenti a cui si possa partecipare.

Lo sport è dato da tre maratone di 10, 27 e 65 km che si corrono fra la primavera e la fine dell’estate. La cultura è data dalle bellezze dei luoghi e dalle manifestazioni organizzate da ognuno dei 15 comuni coinvolti.

L’idea è nata da amici che percorrevano il Liri per andare al santuario di Vallepietra, e che ogni volta rimanevano senza parole di fronte alla bellezza del paesaggio e dell’arte dei paesi che attraversavano. Qualche anno fa hanno pensato che sarebbe stato bello fare il percorso al contrario, ‘scorrendo con il Liri’ e organizzare una manifestazione sportiva riconosciuta anche dalla federazione.

È successo tutto in modo naturale ma la manifestazione è cresciuta in modo incredibile, come se tutti stessero aspettando un catalizzatore che desse soddisfazione alle proprie aspettative.

www.scorrendoconilliri.it coinvolge 2 regioni, Lazio e Abruzzo, 15 comuni e ha il patrocinio dell’Unesco, del Coni e della federazione delle maratone. E da questo anno anche noi di discoverplaces.travel collaboriamo con loro per promuovere le bellezze dei territori e farle conoscere ad un pubblico italiano e internazionale.

Il fiume Liri evoca subito immagini ed emozioni: la cascata ad Isola del Liri, la nascita a Cappadocia, il fluire lungo le valli Abruzzesi, i Sanniti e i Romani, Fregellae, la sua grande portata, il Garigliano e l’arrivo a Minturno con il famoso Ponte Real Ferdinando.

Il Liri è uno dei fiumi più lunghi d’Italia e con la sua grande portata di acqua ha condizionato la vita delle antiche popolazioni italiche che non lo potevano oltrepassare facilmente. Poi è stato generoso e quando si è capito come sfruttare il corso d’acqua per produrre energia ha dato vita ad uno dei maggiori sviluppi industriali europei del XVIII secolo.

Lanifici e cartiere esportavano in tutta Europa, tanto che il Times veniva stampato su carta fatta ad Isola del Liri. Allora non era ancora Ciociaria ma i territori facevano parte del Regno Borbonico e Carlo III fu così fiero dei successi che nel 1744 venne in visita ad Arpino.

Una storia che verrà raccontata in una mostra fotografica sull’Archeologia Industriale delle terre del Liri del fotografo inglese Steve Johns. La mostra sarà solo uno degli eventi culturali ma è significativa per far riscoprire un passato che per secoli ha caratterizzato la vita di questi territori. Scoprire il passato significa anche trovare le radici vive e far tornare in vita qualcosa. Non la stessa pianta ma qualcosa di positivo per tutta la comunità.

Seguiremo ‘Scorrendoconilliri’ e racconteremo storie di arte e cultura dei comuni che attraversa e realizzeremo delle guide per conoscere meglio questi splendidi territori.