Concentrarsi solo sulle minacce non salverà la nostra fauna selvatica.

Troppo spesso i governi e le organizzazioni per preservare la natura hanno un solo obiettivo per il ripristino delle popolazioni delle specie in declino: ridurre ciò che essi percepiscono come la principale ‘minaccia’. Tuttavia, l’attenzione ai ‘punti critici’ della minaccia può essere dispendiosa e inadeguata. Può anche spingere le specie minacciate più vicino al baratro.

Per gestire le minacce, le organizzazioni hanno sviluppato una ‘mappa delle minacce’. Spesso si tratta di mappe delle attività umane che interessano specie animali come, ad esempio, la perdita di foreste a causa del disboscamento per l’agricoltura e l’urbanizzazione, o un aumento della pesca nelle aree marine. Un gran numero di organizzazioni, tra cui The Nature Conservancy, il World Wildlife Fund e Wildlife Conservation Society hanno una lunga storia di creazione e utilizzo di queste mappe per decidere come investire i loro limitati finanziamenti per la preservazione della natura.

In genere queste organizzazioni utilizzano queste mappe in due modi: per individuare le aree più lontane dalle minacce per la protezione della fauna selvatica (zone incontaminate tipo ‘deserto’) o per individuare le aree che hanno le minacce percepite più alte per la fauna selvatica e quindi lavorare su di loro. L’immagine mostra un esempio delle diverse mappe utilizzate nella pianificazione della conservazione.

Tradizionalmente, una o più di queste sono sovrapposte con funzioni di conservazione e utilizzate per dare priorità alle aree per la conservazione. Per la mappatura dei punti caldi, le tre mappe delle minacce potrebbero essere unite per sviluppare una mappa complessiva che mostra valori più alti o più bassi e le zone in cui sono presenti tutte e tre le minacce. (Da Tulloch et al, 2015)

Purtroppo, questo tipo di approcci tradizionali focalizzati sulle minacce presenta una serie di inconvenienti. Limitano gli ambientalisti a risolvere solo una parte del problema, possono essere costosi rispetto a scelte di gestione alternative e possono avere risultati indesiderati.

Ad esempio, possiamo considerare i numerosi programmi finanziati dal governo Australiano per sradicare le volpi introdotte al fine di proteggere i piccoli nativi marsupiali. Se noi abbiamo l’unico obiettivo di adescare le volpi con il veleno, il numero di gatti selvatici e conigli, che vengono soppressi dalle volpi, tende ad aumentare. Così in molti luoghi i piccoli marsupiali saranno ancora cacciati, ma questa volta dai gatti, mentre i conigli devasteranno il paesaggio, privando gli animali nativi di cibo e riparo. Continuare gli investimenti nell’avvelenamento delle volpi potrà fare ben poco per ripristinare queste popolazioni senza un nuovo modo di pensare ad azioni alternative. Questo potrebbe avere gravi conseguenze per la conservazione.

Revolution Slider ERRORE: Slider with alias Preservare_natura not found.
Maybe you mean: 'Home' or 'shop-slider' or 'home-slider' or 'Home-SR'

Recentemente ci siamo impegnate a sviluppare un nuovo quadro di riferimento per aiutare a prendere decisioni di conservazione efficienti ed efficaci. Il nostro problema principale è che la riduzione delle minacce non ha sempre un risultato anche nella biodiversità. Dare priorità alle minacce piuttosto che alle soluzioni significa focalizzarsi su un unico obiettivo e mancare il quadro generale. Per evitare di mettere tutte le nostre risorse in “pochi punti caldi”, abbiamo proposto un nuovo quadro decisionale della conservazione che considera tutte le minacce, gli esseri che vivono in un’area, se la minaccia è eliminabile, i costi delle azioni di conservazione alternativi e quali abbiano probabilità di successo (Tulloch et al, 2015).

Attraverso questo processo decisionale strutturato possiamo soppesare i pro e i contro di ogni azione e scegliere la migliore, quella che non solo è conveniente ma che produce anche effetti positivi per la fauna selvatica minacciata.

Tornando al nostro esempio delle volpi, questo nuovo quadro ci aiuta a determinare i modi migliori per raggiungere i ‘reali’ risultati di conservazione, che è quello di aumentare la sopravvivenza a lungo termine dei piccoli marsupiali piuttosto che semplicemente di diminuire il numero di volpi. Questo ci dà molte più opzioni oltre a quella di uccidere le volpi. Per esempio, può essere più conveniente ripristinare l’habitat per fornire un riparo che protegga i marsupiali direttamente da più predatori. In alternativa, potrebbe essere più efficace impostare recinzioni o cani da guardia per proteggere i luoghi di allevamento di animali a rischio invece di sprecare soldi per avvelenare le volpi.

L’utilizzo di questa cornice ci aiuta a scegliere le nostre battaglie e capire cosa possiamo o non possiamo fermare – e forse quale guerra possiamo combattere. In tal modo, potremmo trovare che è meglio rinunciare a una azione quando una minaccia è troppo difficile o costosa da eliminare, e spendere i soldi su qualcosa o da qualche altra parte che avrà un risultato migliore per la fauna selvatica. Abbiamo bisogno di nuovi approcci come questi per contribuire a salvare la fauna selvatica, assicurandoci che le azioni abbiano una priorità dove si possono ottenere migliori risultati per la biodiversità.

Questo articolo è una sintesi tra le seguenti pubblicazione:

– Tulloch VJD, AIT Tulloch, P Visconti, BS Halpern, JEM Watson, MC Evans, NA Auerbach, M Barnes, M Beger, I Chadès, S Giakoumi, E McDonald-Madden, NJ Murray, J Ringma & HP Possingham (2015). Perché mappare le minacce?

– Collegamento mappatura minaccia con azioni di prendere decisioni migliore conservazione. Frontiers in ecologia e l’ambiente 13: 91-99.

– http://www.esajournals.org/doi/abs/10.1890/140022

Maggiori informazioni: v.tulloch@uq.edu.au Vivitskaia Tulloch


Vivitskaia Tulloch & Ayesha Tulloch

The Tulloch twins, Vivitskaia and Ayesha are researchers in the world of wildlife – birdlife, polar bears, crocodiles, sharks and their favourite dogs. As well as their professional publications they enjoy story telling and reading, and Ayesha paints. They are into nature in toto – and while Ayesha can be found just about anywhere in the world, Vivi now devotes her life to her daughter, Aislinn. Both enjoy an active life including skiing, swimming and trekking.