Un modo diverso di vivere Albano Laziale e la sua storia, un legame con Roma talmente forte da far scrivere una storia in versi ad Orlando Filippucci che racconta la nascita di Roma in modo originale e sottolinea il suo amore per Albano Laziale, il paese d’origine della madre dei Castelli Romani.

Questi versi di Orlando Filippucci nascono dal ricordo frammentato di una lettura giovanile, pochi gruppi di versi: una quartina di senso compiuto e qualche distico dall’effetto comico.

Orlando, era nato nel 1913 e non si stancava mai di tessere le lodi di quello che definiva «’o mejo paese d’oo monno» ovunque incontrasse qualcuno che avesse voglia di fermarsi ad ascoltarle. E tra gli aneddoti che infiorettavano i suoi racconti non mancava mai la citazione di un arguto componimento poetico dedicato alla fondazione di Roma, in cui si era imbattuto da studente.

Quel componimento iniziava così: «Ar tempo de l’antichi, … antichi assai, / già s’ereno imbrojate le matasse: / Notaveno ner mare de li guai, / ognuno co la febbre de sarvasse! …». Orlando era sicuro di questo inizio, tuttavia gli anni avevano scolorito i dettagli più sostanziali. Ma i suoi sforzi empirici di risalire all’autore e recuperare l’opera recitandone l’incipit davanti agli addetti delle biblioteche, dove andava per cercarla, si sono sempre rilevati fallimentari.

Di incontro in incontro e di racconto in racconto, Orlando aveva cominciato allora a riempire con la propria fantasia poetica i vuoti tra quella prima quartina e gli altri versi tenuti a mente. E quella originaria narrazione sulla nascita di Roma era diventata l’occasione (ironicamente capziosa) di ristabilire il primato di Albano Laziale sulla città eterna!

Insomma, per lui, sempre affascinato dall’incomparabile magnificenza di Roma ma devoto all’incanto morbido del paese materno dove aveva trovato una moglie amatissima e un meritato successo lavorativo, la genesi della capitale d’Italia era conseguente alla fondazione del paesello limitrofo.

Nella foto: Orlando Filippucci

In barba alle cronache di Tito Livio, di Plutarco e di Dionigi di Alicarnasso, la versione della vicenda di Rea Silvia “secondo Orlando” contemplava il fatto che la sfortunata fanciulla fosse stata impalmata da Marte ad Albano nel santuario dedicato alla dea Vesta, e attuale chiesa di Santa Maria della Rotonda.

Romolo e Remo, fortunosamente tornati ad abbracciare Numitore dopo l’abbandono sul fiume e la conseguente adozione da parte della Lupa, avevano poi deciso di emigrare per questioni di spazio: regnare insieme al nonno in un piccolo paese sarebbe stato frustrante.

Negli ultimi anni di vita, libero dagli impegni professionali, Orlando aveva intensificato le ricerche del testo originario senza alcun esisto. Così, alla fine, ha deciso di mettersi alla scrivania e ricostruire la storia… a modo suo. Non senza la giusta dose di auto-irrisione, come dimostra la chiusa del suo Natale de Roma. «La storia ecchela qua, che nun me credi? / È tutta verità, parola mia… / me possino cecamme! Che nun vedi / che nun potrei mai dilla ’na bucia?», diceva strizzando l’occhio per sottolineare la fandonia.

Se avesse avuto accesso a internet, Orlando avrebbe scoperto con facilità che quel componimento letto in gioventù era Er Natale de Roma di Romolo Bacchini. Pubblicato dalla stamperia dei fratelli Strini di Albano Laziale nel 1929. Per fortuna, non è andata così e a noi resta oggi questa deliziosa bagattella intessuta di una vis comica che dà conto dell’anima castellana di un “arbanese”… non proprio DOC!

Per ascoltare la poesia clicca qui sotto: 

Ed ora la storia in romanesco de ‘Er Natale de Roma’ di Orlando Filippucci:

ER NATALE DE ROMA

A noi de li Castelli ce fa spece

d’esse considerati la provincia:

ma ce la sai ‘na storia che se dice

che all’epoca de Zeuse ‘ncomincia?

Sì nato a Roma, embè, che d’è ‘sta boria?

Er Papa, er Colosseo… che sarà mai!

Pe’ fatte capì quanto te sbaj.

 

Ar tempo dell’antichi, antichi assai,

già s’ereno ‘mbrogliate le matasse

e notavano ner mare de li guai,

ognuno co’ la smania de sarvasse.

Puro all’Olimpo, in seduta generale

pe’ discute ‘na tassa ar parlamento

se scatenò ‘na buriana tale

da fatte ammutolì pe’ lo sgomento.

 

Volarno inzurti, cazzotti, sediate,

quarcuno cominciò a tirà serciate,

finché Marte, er dio de la guera,

sfilò la daga, la buttò pe’ tera

e disse: – Uffa co’ ste discussioni,

me so’ stufato: do le dimissioni!

Io me vergogno d’esse ‘n olimpiese

basta: ho deciso de cambià paese. –

 

E detto fatto, senza ripenzacce

manco nun fosse ‘n grande perzonaggio

prese co’ sé sortanto le bisacce,

ce mise drento er pane cor formaggio

e ‘mboccò de corza lo scalone

che dall’Olimpo scenneva ‘n de ‘ste zone.

Perchè vedi lui ce lo sapeva già

che questo è er mejo posto che ce sta.

 

E ‘ste parole mie so’ dimostrate:

er Papa, de cui tanto ve vantate,

a Roma ce sta solo a lavorà,

si ha d’annà ‘n vacanza… viene qua;

e ce sta tanto be’ che si potesse

ce resterebbe puro a di’ le messe.

Ma ‘sto discorzo lassamelo da parte

pe’ ritornà a vedè che sta a fa’ Marte.

 

A furia de camminà è arrivato a Arbano

e siccome se sente stracco e zoppo,

sulla porta chiede ad un guardiano

un bon arbergo da nun spenne troppo.

Questo, che dei sui ce n’ha già tanti,

nun se degna nemmanco de guardallo

e co’ la mano je fa segno d’annà avanti

comme si fusse facile trovallo.

 

– Ahò! burino, guarda che so’ Marte,

me devi da trattà co’ deferenza. –

Ma quello s’arivorta all’antra parte

mostranno la più grande indifferenza.

Er dio, che pe’ ‘st’iriverenza ce va ‘npuzza,

nun domanda arcun’antra spiegazzione

e se ‘cammina giù pe’ ‘na viuzza

cercanno a naso de trovà la direzione.

 

Perchè devi da sapè che l’arbanese,

che de tutto e de tutti se ne frega,

si tu je stai simpatico è cortese

ma si fai parte de quella congrega

che se dà l’arie, inzomma, puta caso

si c’hai ‘n po’ de puzza sott’ar naso,

pôi esse’ puro ‘n dio, tanto pe’ lui

nun conti più de li sputarci sui.

 

La dea Vesta, fatte conto, allora

all’arbanesi de quer tempo llà

je doveva piacè davero ‘n monno

si la trattarno tanto da signora

da dedicaje (e ce sta ancora sa?)

‘n palazzetto bello, tonno tonno,

‘na meravija che sorprenne ancora

qualunque sia perzona viè da fora.

 

Mò ‘sto palazzo, ar centro der paese

corpì er dio Marte, che ormai stracco morto

de chi fusse nemmanco se lo chiese

e gnisuno potrebbe daje torto.

– Sarà l’arbergo – mormorò fra sé.

Bussò. Da drento chiesero: – Chi è? –

– So’ Marte! sverti aprite che so’ ‘n dio

e tutti hanno da fa’ er volere mio. –

 

Quanno che spalancarono er portone

all’improvviso, fu ‘n’apparizione!

Ar dio Marte che fra celo e tera

de regazze n’aveva viste tante,

nun je parve che fusse manco vera

tant’era bella, e subbito, all’istante

se ‘ntrufolò, je fece lo sgambetto,

chiuse la porta e ce appuntò er paletto.

 

La povera dea Vesta, senza foco

paonazza dar freddo e intirizzita,

fu costretta a assiste, lì in quer loco,

finché quei due nun l’ebbero finita,

a tutta la faccenna: e sai che te dico?

Ce pôi scommette, se la legò ar dito.

L’affronto de faje spegne er foco

nun je se doveva fa’ manco pe’ gioco.

 

– A ‘sta vestale che oggi s’è permessa

de provocamme qua ‘sta gran gazzara

doppo d’avemme fatto la promessa

de sorvejamme sempre er foco all’ara,

je la farò pagà: è davero troppo! –

e detto fatto, quarche giorno doppo,

la povera vestale spaventata

se rese conto d’esse ormai fregata.

 

Annò da Marte: – So’ ‘ncinta! che se fa? –

– A me lo dichi? Ma levete de qua! –

E ‘sto morammazzato de ‘n vijacco

ch’era arivato lemme lemme e stracco,

se la filò de prescia e ‘sto cornuto

se ne tornò all’Olimpo e te saluto.

Rimase sola, nei guai de questo monno

Rea, la vestale der palazzetto tonno.

 

Rea Silvia, era lei quella vestale

la fija der poro Numitore

ridotto a poco più d’un servitore

da Amulio, er fratello suo carnale,

che l’aveva deposto e nun contento

aveva chiuso Sirvietta in quer convento.

E ner convento, doppo de ‘sto fatto,

è normale che je dessero lo sfratto.

 

Defatti quella pora disgrazziata

ner giro de du’ giorni fu scacciata

e doppo nove mesi tutti interi

te mise ar monno du’ gemelli veri.

Ma appena Amulio ne venne a conoscenza

pronuciò de gran prescia ‘sta sentenza:

– Io li gemelli li condanno a morte

e a Rea Silvia toccherà la stessa sorte. –

 

Er boja, ch’era ‘n fonno ‘n bon bojaccia,

penzò: – Me dispiace pe’ ‘sta poveraccia,

la devo da fa’ fora; ma si posso

je sarverò li fiji, me so’ commosso. –

E così Romolo e Remo se sarvorno

drento a ‘na cesta, giù giù lungo er fiume,

finché ‘n pastore che steva de llì ‘ntorno

nun li pescò, tiranno a sé la fune.

 

– Mò che ce faccio co’ ‘sti regazzini? –

se domannò er pastore preoccupato:

– Nun cianno ancora manco li dentini

e pescalli ber fesso che so’ stato.

Ce vorebbe er latte de ‘ste pecorelle,

però si nun ce faccio le caciotte

me tocca venne er gregge e buonanotte,

sull’ossa nun ce resta che la pelle.

 

Ner mentre se poneva ‘sto busilli,

passò ‘na lupa lì, co’ l’intenzione

d’alleggerirlo de tre-quattro agnelli

pe’ magnasseli giusto a colazzione.

S’avvicinò a quer cesto ‘ncuriosita

co’ l’acquolina e leccannose le dita.

E qua vie’ er bello, stamme ‘n po’ a sentì

che t’aricconto come annò a finì.

 

La lupa, ner vedè ‘ste creaturelle

morte de fame e tutte ‘ntirizzite,

se sentì strappà er core e le budelle;

fece: – Le genti qua se so’ ‘mpazzite!

Li allatterò io ‘sti du’ fijetti,

li farò cresce grandi ‘sti pupetti

e chissà, forze quelli de domani

me chiameranno madre dei romani.

 

E tutta presa da ‘sta bona azzione,

se scordò de botto de scannà l’agnelli

e ner mentre ch’allattava li gemelli

vidde er futuro coll’immagginazzione:

sentì la gente urlà: – Dai, forza lupi! –

rivorta ai discendenti delli pupi

e vidde puro, e co’ giusto orgojo

la statua sua ‘n cima ar Campidojo.

 

‘Sta lupa era davero ‘na gran bestia,

ciaveva ‘n core comme ‘na capanna

e puro si nun peccava de modestia

però pe’ li gemelli fu ‘na manna.

Defatti ‘n pochi anni ‘sti du’ pupi

allevati cor latte delli lupi,

se fecero tanto belli e coraggiosi

che so’ ancora li gemelli più famosi.

 

Quanno ‘sti du’ regazzi ormai cresciuti

seppero d’avecce ‘n dio pe’ padre;

che appena ar monno erano venuti

j’àvevano ammazzata Rea, la madre;

e che Amulio, quer grande farabbutto

era er solo corpevole de tutto;

partirno subbito, punti sull’onore,

alla ricerca der nonno Numitore.

 

Giunti davanti ar palazzo de ‘sto vecchio

trovarno du’ gendarmi corazzati:

  • Qua nun se passa, nun sete autorizzati! –

fecero quelli e s’opposero parecchio,

ma Romolo e Remo, forti e ben pasciuti,

li scazzottarno, e doppo du’ minuti

li poveri gendarmi corazzati

pareveno gianduiotti ciancicati.

 

  • Chi è che osa fare questo chiasso? –

E Numitore svejato dar frastono

venne fora urlanno da gradasso;

però subbito dovette cambià tono

ner vedè ‘sti regazzi così belli,

perché capì che erano i gemelli

che ‘n giorno quella fija sfortunata

partorì prima de morì ammazzata.

 

E quell’antico re, quell’arbanese,

‘nsieme a ‘sti nipoti belli e forti,

riescì ben presto a riscattà le sorti

de quello ch’era sempre er suo paese,

anche si quer fetente der fratello

l’era ridotto comme un poverello

er giorno che distrattosi un momento

ciaceva avuto ‘n rincojonimento.

 

Ormai ristabbilita la giustizzia

er paese tornò a esse ‘na delizzia.

Ce fu ‘n giorno però che Romoletto

disse ar fratello: – Qua ce stamo bene,

ma ‘sto paese se farà ‘n po’ stretto

si co’ nonno restamo a regnà ‘nsieme! –

E così, detto fatto, tutt’a ‘n botto,

pijò l’aratro e fecero fagotto.

 

Sulli colli che steveno vicino

Tracciò ‘n sorchetto, appena ‘n quadratino

ma sta’ sicuro, se capiva già

che sarebbe diventato ‘na città.

Roma, così pensarno de chiamalla

quanno quer giorno, quer ventuno aprile

invitarno lì, pe’ battezzalla,

Mamma lupa e l’agnelli dell’ovile.

 

C’era puro er nonno re, e poi er pastore

che dar fiume l’aveva ripescati,

e er dio Marte, che senza fa’ rumore

s’era confuso ‘n mezzo all’invitati.

C’era er popolo e l’aristocrazzia

e puro er capo della polizzia:

tutti assieme pe’ innaugurà er paese

fondato da li fiji de ‘n arbanese.

 

‘Nzomma, Roma è bella, ve l’ammetto

ma si n’era p’Arbano nun ce steva.

Si cioè Marte nun avesse fatto lo sgambetto

alla vestale che tanto je piaceva.

La storia ecchela qua, che nun me credi?

E’ tutta verità, parola mia…

Me possino cecamme! Che nun vedi

che nun potrei mai dilla ‘na bucia?


Claudia Bettiol

IT
Ingegnere, futurista e fondatrice di Discoverplaces. Blogger specializzato nella sostenibilità e nella promozione culturale dei piccoli territori e delle piccole imprese. Ama i cavalli

ENG

Engineeer, futurist, joint founder of Energitismo and founder of Discoverplaces. Blogger specialising in sustainability and in cultural promotion of small places and small enterprises. She loves horses