This post is also available in: Inglese

Uno dei più grandi fotografi della Valle di Comino capace di emozionare con le inquadrature e la maestria nell’uso delle tecnologie digitali, questo è Tonino Bernardelli. Tonino è stato il protagonista di una delle prime Guide Turistiche che abbiamo fatto, quella dedicata al suo paese Settefrati, e non potevamo mancare alla sua mostra.

Settefrati è un borgo che è un gioiello: ai confini tra Lazio e Abruzzo e nel versante laziale del Parco Nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise. Un paese che si anima ogni anno per la processione al Santuario della Madonna di Canneto che Tonino ha ripreso in modo emozionante. Quasi 60.000 persone omaggiano il santuario in 5 giorni poco dopo Ferragosto in una cerimonia che si ripete da secoli nello stesso modo, come nei racconti di Padre Breda degli inizi dell’800.

La mostra fotografica è divisa in 4 sezioni: una dedicata alla Valle, una dedicata alle ‘formelle’ di Villa Gallio che riprendono tutti i paesi della Val di Comino nel Settecento, una dedicata alle emozioni e una dedicata alla nostra Guida.

Madrina della mostra è stata la grande cantante lirica Chiara Taigi che ci ha regalato alcune arie come ‘Ave Maria’ di Schubert, ‘O mio babbino caro’ di Puccini e una musica tratta dal film dedicato a San Francesco e Santa Chiara.

Chiara Taigi non ha soltanto recitato, ha dimostrato il suo affetto all’amico Tonino e una rara sensibilità umana verso la storia dei protagonisti di Settefrati e della Valle di Comino. La loro amicizia era palpabile e un ritratto di Chiara vicino a dei fiori era proprio al centro della sezione dedicata alle emozioni.

Tonino che in genere è un superbo conduttore e presentatore di manifestazioni importanti aveva una voce rotta dalle emozioni che si possono ritrovare nel titolo della mostra: “Questa è la mia terra”.

Auguri Tonino e continua ad essere quello che sei e ad essere circondato dai tuoi amici. Ovviamente la serata è stata fotografata da maestri come Nando Potenti, Stefano Strani e Lauro Abruzzese per cui noi abbiamo nascosto la nostra macchina fotografica e abbiamo lasciato fare il lavoro delle riprese a chi se ne intende!

Categorie: Blog

DiscoverPlaces

Traveller's Guide to Italy

Top