This post is also available in: Inglese

La collina dell’area archeologica della ‘Civitucola’ è di difficile accesso, circondata da due fossi. Negli scavi sono stati riportati in luce tratti delle mura con una delle due porte d’accesso alla città, resti di edifici e opere idrauliche.  E’ stato individuato un tratto di strada romana che collegava la Via Flaminia con il santuario di Lucus Feroniae. Nella zona centrale della città si riconoscono i resti del Monastero Benedettino medioevale nato sopra i resti romani.

Nell’area della città affiorano ancora numerosi frammenti di ceramica e marmo di età romana, le statue e le numerose iscrizioni su basi onorarie che sono attualmente conservate in parte nell’edificio del Comune e in parte nei Giardini Pubblici. Si tratta di monumenti eretti dai Capenati in onore degli imperatori romani e dei personaggi illustri dell’epoca, soprattutto degli imperatori. In una di queste basi è interessante notare la cosiddetta “damnatio memoriae” nei confronti dei Geta, fratello minore di Caracalla. Il nome di Geta fu abraso dopo che fu ucciso per ordine del fratello.

Categorie:

Top