This post is also available in: Inglese

Il castello si trova nella parte alta del paese ed è il primo nucleo attorno al quale si è formato il borgo medioevale. Dal 1053 la sua storia è legata a quella della famiglia Colonna e nel 1200 diventa una vera fortezza difensiva inespugnabile.

Qui è nato Oddone Colonna, diventato papa con il nome di Martino V nel 1417, che può essere considerato il vero capostipite della potente famiglia. Con lui il castello cominciò ad assumere un aspetto signorile. Per un brevissimo periodo il castello è appartenuto alla famiglia Borgia che aumentò le opere di fortificazione.

La definitiva trasformazione a palazzo è avvenuta con Filippo I Colonna agli inizi del Seicento quando l’ala orientale fu sopraelevata, venne sistemato il torrione e realizzato un appartamento con una cappella affrescata da Marzio Ganassini. La cappella è dedicata alla famiglia Colonna e a San Carlo Borromeo che era uno zio di Filippo Colonna.

Filippo ha anche realizzato il nuovo ingresso scenografico, il parco e il suggestivo loggiato sul cortile interno. Durante questi lavori è stato anche sistemato l’acquedotto romano con l’arrivo di acqua al castello e alle principali fontane del paese.

Nel 1630 i Colonna vendettero il vicino palazzo di Palestrina ai Barberini e continuarono ad abbellire il palazzo di Genazzano.

Il castello ha subito pesanti bombardamenti della RAF durante la seconda guerra mondiale per distruggere i forni tedeschi che alimentavano le loro truppe.

Oggi è il centro della vita sociale del paese e ospita il CIAC – Centro per l’arte contemporanea.

 

Categorie:

Top