This post is also available in: Inglese

Gli antichi romani lo chiamavano “suillus” (suino) per il suo aspetto massiccio. Le diverse parti del fungo porcino vengono cotte in modi diversi: le parti meno nobili vengono fritte o utilizzate per conserve sott’olio o sott’aceto. Mentre le ‘cappelle’, e parti alte, vengono cotte alla piastra o in padella con olio. Il fungo Poicino cresce abbondante nei boschi di Ascrea e nella Valle del Turano.

 

Categorie:

Top