This post is also available in: Inglese

E’ uno dei ponti più imponenti e meglio conservati degli acquedotti romani e doveva superare il fosso della Acquarainga, in una gola profonda. L’arco centrale era alto 30 metri e la lunghezza complessiva dell’opera era di 120 metri. L’acquedotto Anio Novus è stato costruito tra il 38 e il 52 DC al tempo dell’imperatore Claudio. Nel corso del IV e V secolo il ponte fu oggetto di consolidamento e fu ridotta la luce degli archi. Il ponte è ancora percorribile a piedi e deve il suo nome ad una immagine del Santo posta intono al XVII secolo.

 

Categorie:

Top