This post is also available in: Inglese

Agrigento è una delle città siciliane più famose al mondo con l’area della Valle dei Templi inserita nell’elenco del Patrimonio Mondiale dell’Umanità redatto dall’UNESCO. L’attuale città si trova su un colle dove un tempo si trovava l’antica città dei Siculi poi diventata acropoli della città greca.

Nel corso dei secoli ha cambiato più volte nome: dal greco Akragas, al romano Agrigentum, a quello arabo con il nome di Kerkent o Gergent, poi Girgenti per i Normanni fino al 1927 quando ha assunto il nome attuale di Agrigento durante il fascismo che aveva recuperato l’antico nome romano.

La sua storia inizia con la fondazione nel 581 a.C. di un insediamento lungo la costa alla foce del fiume Akragas da parte di coloni greci probabilmente provenienti da Rodi e Creta. Il suo primo nome è stato Akragas e l’insediamento doveva rifornire le navi che commerciavano con l’Africa e con il Mediterraneo Occidentale.

I Siculi già vivevano nell’entroterra grazie alla fertilità dei terreni (si producevano cereali, olio e vino e si allevavano cavalli) e alla posizione geografica favorirono gli scambi con i greci e la crescita di questo primo insediamento. Il tiranno Terone espanse i confini facendola diventare un importante centro greco della Sicilia, anche vincendo la flotta cartaginese di Amilcare.

Il momento d’oro è stato quello guidato da Empedocle durante il quale si avevano buoni rapporti con la potente vicina città di Cartagine.

La rivalità con Siracusa portò al declino e Agrigento nel 406 fu saccheggiata dai cartaginesi di Annibale che la trasformarono in una loro colonia obbligandola a non avre fortificazioni e che doveva pagare tributi.

Nel 339 a.C. la situazione cambiò grazie a Timoleonte che, chiamato da Siracusa, sconfisse i Cartaginesi e aiutò la rifondazione di Agrigento, ma ben presto la rivalità con Siracusa non tardò a riemergere. Nel frattempo in tutta Italia stava crescendo la potenza di Roma che lentamente conquistava il sud Italia e nei mari si confrontava con la potenza di Cartagine.

Per la sua posizione, la Sicilia era strategica per il dominio dei mari, e quindi dei commerci e degli approvvigionamenti alimentari. 

Agrigento venne a lungo contesa fra Cartaginesi e Romani, e mentre era in mano cartaginese arrivò a schierarsi con Pirro, il re dell’Epiro protagonista della prima guerra punica fra Cartaginesi e Romani nel 264. 

I Romani la attaccarono la prima volta nel 262 e la saccheggiarono facendola diventare parte di Roma che le cambiò il nome in Agrigentum.

Roma praticamente conquistò tutta la Sicilia ma nel 213 Agrigentum venne riconquistata dai Cartaginesi che si preparavano alla Seconda Guerra Punica. Durante questo scontro, nel 210 a.C. Agrigento fu riconquistata dal console Levinio che la ripopolò con persone provenienti da altri territori.

La Sicilia divenne il granaio di Roma e se da una parte questo portò ricchezza, dall’altra portò molti schiavi di lingua greca a lavorare nei campi. Più volte questi si ribellarono e intorno al 130 a.C. Agrigento venne saccheggiata da una rivolta di schiavi.

Ma grazie alla ricchezza del suolo e alla sua posizione, Agrigento tornò a fiorire durante il periodo dell’Impero Romano.

Dopo la caduta di Roma per l’arrivo dei Vandali, nel 535 il generale Belisario conquistò la Sicilia per conto dell’Impero Romano d’Oriente con sede a Bisanzio ed iniziò così il periodo bizantino dell’Isola mentre la chiesa di Roma divideva il territorio in diocesi guidate da vescovi.

Ad Agrigento arrivarono vescovi importanti come San Libertino e nel 559 d.C. nacque San Gregorio, uno studioso della Bibbia e quello che ha permesso la conservazione del Tempio della Concordia trasformandolo momentaneamente in chiesa.

Dal VII secolo, le scorribande degli arabi portarono la popolazione a spostarsi in alto dove un tempo si trovava l’antica acropoli ma dall’829 Agrigento cadde e venne ripopolata da Berberi. Il nome della città diventò Kerkent e Agrigento tornò ad essere un fiorente centro culturale e commerciale, grazie alle copiose produzioni agricole di canna da zucchero, datteri, meloni e gelso. È in questo periodo che venne avviato un nuovo porto commerciale nella attuale Porto Empedocle.

Le città arabe iniziano a combattersi fra loro e queste tensioni hanno favorito la presa della Sicilia da parte dei Normanni e Agrigento cadde nel 1086 dopo un lungo assedio. I Normanni, chiamati dal papa, riportarono i culti cattolici grazie al vescovo San Gerlando che oggi è diventato il patrono di Agrigento.

In questo periodo, la città venne dichiarata reale e con questo titolo aveva diritto ad una serie di privilegi. Nel periodo feudale iniziò la signoria di Agrigento grazie ai Chiaramonte, una famiglia originaria della Francia del Nord ed arrivata in Sicilia con i Normanni.

Nel periodo di Federico II di Svevia, venne confermato il potere della famiglia e Federico Chiaramonte fu nominato cavaliere dal Papa che gli concesse la Rosa d’Oro per combattere contro gli infedeli.

Durante il periodo Angioino, i Chiaramonte si allearono con gli spagnoli di Aragona durante le Guerre del Vespro e il loro prestigio crebbe così anche durante la dominazione degli Aragonesi.

Con Federico Chiaramonte la città si allargò anche fuori dall’originaria cinta muraria e nel corso degli anni la famiglia costruì chiese e conventi con uno stile riconoscibile. Il suo palazzo si trovava proprio di fronte alla cattedrale, poi diventato Seminario Vescovile, e il loro prestigio arrivò fino a Palermo

Nel 1377 morì il re di Sicilia e Maria d’Aragona si trovò come l’unica erede al trono, ma poiché non era prevista la possibilità di una linea femminile, vennero eletti 4 vicari del Regno di Sicilia, e uno di questi era proprio un esponente della famiglia Chiaramonte.

Maria venne allontanata per non farla sposare con i Visconti di Milano e venne nominato Martino I il vecchio come viceré di Sicilia. Maria si sposò con Martino il giovane, nonostante l’opposizione dei baroni perché avrebbero perso la loro autonomia siciliana conquistata con i Vespri, a favore di un maggiore controllo dalla Spagna. 

Nel 1392 venne giustiziato Andrea Chiaromonte da re Martino, finì la dinastia di questa famiglia in Sicilia e la signoria venne affidata a Bernardo Caprera.

La peste del 1523 accelerò il declino di Agrigento, colpita anche da carestia, e la disperazione portò alla crescita del fenomeno del banditismo.

Nel 1647 la carestia e le alte tasse verso gli Spagnoli portarono ad un malcontento in Sicilia e ad Agrigento, una delle zone dove si coltivava il grano. il Vescovo Traina pagò per evitare che la città perdesse i diritti delle città reali/demaniali. Da questo momento una serie di vescovi si è resa protagonista della storia di Agrigento. 

Fra le opere pubbliche va segnalata la costruzione e l’ampliamento del porto del Molo di Girgenti, oggi Porto Empedocle, e nel 1817 la Sicilia passò sotto il regno Borbonico. 

La situazione di disagio e miseria fu tale che la città partecipò ai moti del 1820, che poi sono stati il clima su cui si è cresciuto il movimento mazziniano, e nel 1860 l’arrivo di Giuseppe Garibaldi venne salutato con interesse.

Ma la mancata risposta alle promesse fece esplodere ancora una volta il fenomeno del brigantaggio. La disillusione portò anche ad una prima ondata di migranti che lasciarono Agrigento e la Sicilia in cerca di fortuna all’estero.

Nel 1853 il porto diventò un comune autonomo e poco dopo prese il nome di Porto Empedocle.

Finalmente agli inizi del Novecento una serie di opere pubbliche, come l’acquedotto, migliorò la situazione delle persone e portò ad un lancio del turismo.

La città è stata profondamente bombardata durante la Seconda Guerra Mondiale. La rinascita è passata attraverso il turismo culturale e l’ingresso della Valle dei Templi nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Foto di copertina by Palickap


DiscoverPlaces

Traveller's Guide to Italy

Top