This post is also available in: Inglese

Raccontarvi la bellezza di Bracciano è un piacere superato solo dalla possibilità di scoprirla in prima persona, cosa che vi auguro di fare se mai foste nelle vicinanze.

Ma partiamo dall’inizio.

Ah, no, non temete, non dal vero inizio collocato da qualche parte nel decimo secolo, quando nacque questo borgo, ci vorrebbe davvero troppo. Perché è un borgo veramente antico e ne ha passate molte.

Basta soltanto accennare ai saraceni, la famiglia Bracci, gli Orsini, un paio di papi fra cui Borgia, gli Odescalchi, Tom Cruise ed Eros Ramazzotti.

Ah, magari questi ultimi non sono antichissimi, però hanno contribuito a dare visibilità alla bellissima cittadina scegliendo di sposarsi nel poderoso castello di Bracciano. Cosa che non ha portato loro molta fortuna, ma la colpa non può di certo attribuirsi al posto.

Per apprezzare interamente le meraviglie di Bracciano è necessario avere una “veduta aerea” che meglio vi farà comprendere il gioiello che vi sto decantando.

Situato sulle sponde del lago di Bracciano, incantevole lago vulcanico di un blu profondissimo che, oltre al paese da cui prende il nome, ospita altre due località degni di nota: Anguillara  e Trevignano.

Veduta di Anguillara Sabazia

Il nostro borgo è posto più in alto rispetto alle sue due sorelle lacustre che si sviluppano lungo lago.

Arrivando da Roma, infatti, il viaggiatore si troverà catapultato in una cartolina che fa bella mostra dell’antico castello e il borgo vecchio in primo piano e lo zaffiro cupo del lago incorniciato dal verde rigoglioso sullo sfondo.

Incastonato a metà strada fra Roma e Viterbo, Bracciano è anche a due passi dal mare e a tre dalla montagna, così da dare modo al nostro viaggiatore di scoprire i tesori della Tuscia, le tombe etrusche di Cerveteri , oppure il Parco naturale di Bracciano-Martignano.

Il castello e il borgo di Bracciano

Il primo, ovvio consiglio per il nostro visitatore è quello di “andare a vedere il Castello di Bracciano”. E quando dico vedere, intendo proprio vedere, non visitare.

Certo, visitare il castello è d’obbligo per il visitatore attento, ma quello che è imprescindibile persino per il più frettoloso dei viaggiatori è vedere il Castello di Bracciano.

Per vedere il castello serve una piccola strategia: se tu, visitatore impaziente e voglioso di scoprire subito tutto, se tu ti avvicini troppo alle mura del castello, se vai sotto le sue imponenti torri, ebbene poco o niente vedrai!

Le mura di cinta, i possenti bastioni, la grandezza complessiva della struttura: tutto sopraffarà il tuo desiderio di ammirare tale bellezza architettonica, in quanto di enorme misura.

Ma allontanati un poco, scendi su Via Principe di Napoli e girati per guardarti indietro: scorgerai un pezzo di bellezza che ti farà capire l’insieme. Oppure vai allo spiazzo che porta all’entrata del castello: dinanzi a te si aprirà la maestosità della natura vicina alla maestria dell’uomo.

Il borgo di Bracciano si appoggia sulle mura del castello, le viuzze strette danno modo al visitatore di andare solo a piedi, altrimenti non potrebbe ammirare le case antiche, i vasi fioriti vicini ai portoni o sulle ripide scale nel labirinto di passaggi fiabeschi che s’incontrano a ogni passo.

E nel borgo, fra ristorantini tipici e finestre aperte sulla strada, tutte le vie portano alla Sentinella, un posto che, come dice il nome, veglia sulla valle e sul lago sottostante.

Il lago di Bracciano

Dal borgo si scende al lago, per toccare con mano le sue acque limpidi e fresche.

Per i più impavidi, la passeggiata a piedi risulterà più impegnativa al ritorno, specie se si prende la scorciatoia chiamata ingannevolmente Via del Riposo.

Per gli amanti della vita comoda, invece, si va in auto. Per passeggiare poi sul lungolago e gustarsi un pranzo in uno dei ristoranti che offrono coregone, latterini e altre bontà di lago.

La spiaggia di sassolini o sabbia ferrosa rende le rive del lago scure, ma l’acqua è trasparente e fare il bagno nelle calde giornate estive è una vera goduria.

Se invece non siete venuti per prendere il sole o fare il bagno, potrete sempre far contente le papere, le oche o i cigni buttando loro qualche briciola di pane.

La fauna è varia, alcuni animali (come questi pennuti sempre a caccia di cibo) sono più abituati alla presenza dell’uomo, altri invece sono più riservati, ma se si ha la pazienza e la tranquillità necessarie, si possono fare incontri interessanti in riva al lago. Per i più sportivi il lago offre un’ampia scelta di attività, fra cui la barca a vela, ma anche il windsurf, il SUP o, più placidamente, la pesca.

Da vicino o da lontano, il lago di Bracciano fa scoprire sempre un lato diverso, mai uguale a sé stesso.

Il territorio di Bracciano

Per il visitatore arrivato a Bracciano non c’è solo il castello e il lago, perché Bracciano fa parte di un territorio pieno di bellezze da scoprire.

Poco lontano infatti troviamo Castel Giuliano, una frazione di Bracciano, un pittoresco posticino dimenticato dal tempo. Proseguendo oltre, a piedi e in tenuta da trekking, si raggiungono le Cascatelle, una serie di corsi d’acqua che piombano scenograficamente fra rocce di altezze inaspettate, in mezzo a una natura dall’aspetto primordiale.

A Vigna di Valle, sempre lungo il lago, troviamo il Museo Storico dell’Aeronautica Militare con una collezione di aerei che hanno fatto la storia del nostro paese.

Se invece si è pronti a una gita un pochino più lunga, a qualche chilometro da Bracciano c’è il lago di Martignano, fratello più piccolo e più selvatico del lago di Bracciano che vale di certo almeno una visita. Sprofondato fra valli più aspre, al visitatore che arriva dall’alto delle colline che lo abbracciano sembrerà uno specchio d’acqua di un blu profondo come quello di una gemma incastonata nella natura.

Poco più a nord di Bracciano c’è un altro posto da scoprire a piedi, magari in compagnia di un amico a quattro zampe che molto gradirà la passeggiata: l’antica Monterano, nei pressi di Canale Monterano. Si tratta di un altro luogo avvolto nel fascino del tempo, set cinematografico di vari film fra cui Ben Hur e Il Marchese del Grillo.

E ora, amici, venite a scoprire Bracciano, le sue bellezze vi aspettano per entrarvi nel cuore e nella memoria. A presto!

Top