This post is also available in: Inglese

Nella mia mente non era previsto che potesse esistere un piccolo paese nel Parco Nazionale di Lazio, Abruzzo e Molise nella incantata Val di Comino che fosse famoso in tutto il mondo.

Mi ritrovo a Casalvieri (Guida di Casalvieri) in una giornata di autunno colorata da un’esplosione di colori.

Casalvieri non è solo il paese dei Monumenti Nazionali, patria del famoso attore comico Coluche è anche il paese dei palloncini di gomma che qui vengono prodotti dai primi anni del novecento.

Entriamo allora nel mondo della fabbrica dei palloncini di gomma: macchie di colore in ogni angolo che ci danno la sensazione di essere stati proiettati in un quadro impressionista.

Mi ritrovo a scoprire per la prima volta come viene realizzato il palloncino, l’oggetto del desiderio di tutti i bambini, il simbolo delle feste che con il suo volo raggiunge il cielo e accompagna le domande di tutti quelli che osservano il suo volo: dove andrà a finire?

Ma come nasce un palloncino?

I primi palloncini venivano prodotti con viscere animali essiccate, e solo negli anni trenta del novecento che nasce il palloncino di gomma. La materia principe è il lattice, una sostanza completamente naturale che viene estratta dalla linfa degli alberi di gomma che si trovano in particolare in Amazzonia e in Africa.

Il lattice viene inviato qui a Casalvieri e nelle sue fabbriche prende vita: versato in grandi vasche viene colorato con delle tinte naturali che conferiscono le sfumature che il palloncino avrà alla fine della sua realizzazione.

Stampi in serie di diverse forme, vengono immersi nel lattice colorato creando una sottile pellicola che asciuga velocemente.

Passati attraverso delle spazzole rotanti si forma il bordo che è necessario per gonfiare il palloncino che è così pronto per la trasformazione più importante: sottoposto per due volte ad alte temperature si attiva la vulcanizzazione della gomma che perde le sue caratteristiche plastiche per diventare elastica.

Lavati con getti d’acqua il palloncino ormai finito viene sottoposto ai test più importanti per garantire che il sia così come desiderato con la sua speciale forma, il suo colore e privo di imperfezioni.

Pronti per essere contati da immense macchine e confezionati iniziano il loro viaggio che da Casalvieri li porterà in tutto il mondo.

Qui a Casalvieri si trova la prima azienda italiana di palloncini, tra le prime al mondo, che ha iniziato la sua produzione artigianale nei primi anni del 1900.

Oggi una vera ”Accademia Italiana del Palloncino “ si occupa della “Balloon Art”, meravigliose sculture realizzate con l’impiego di palloncini dai mille colori, dalle diverse forme e personalizzati per tutti gli eventi diffondendo arte e prodotti italiani nati in un piccolo e incantato paese della Val Comino!

E allora lasciamoci trasportare dalla forza dei palloncini che non conoscono confini se non quello del cielo!

Top