This post is also available in: Inglese

I Mossos Boidos (traduzione dal sardo “Morsi Vuoti”) sono dei dolci tipici della Sardegna

che mia nonna faceva sempre durante il periodo di Carnevale. È una tale tradizione di famiglia che e in seguito anche noi abbiamo continuato a preparare questo dolce.

I Mossos Boidos o ravioli dolci della Sardegna per qualche anno erano andati in disuso, e forse l’unico posto dove si potevano trovare erano nel centro dell’isola. Oggi si riprendono le tradizioni ed è più facile trovarli.

Siamo ad Ozieri, nel centro nord della Sardegna, e il nostro paese ha una storia unica al punto che la cultura di Ozieri risale addirittura alla preistoria. Le nostre Tombe dei Giganti del periodo dei Nuraghi sono uno spettacolo di suggestione, cultura e mistero.

Qui la natura è strepitosa e per secoli ad ogni festa era associata la ricetta di un piatto e spesso anche di un dolce.

Questa è la ricetta dei Mossos Boidos che si preparavano per il Carnevale e scandivano il suo arrivo.

Ricetta dei Mossos Boidos

Ingredienti per il ripieno di pasta di mandorle

  • Zucchero 600 gr
  • Acqua 250 ml
  • 2 limoni grattugiati
  • Mandorle dolci macinate 500 gr
  • Mandorle amare macinate 100 gr
  • Canditi 200 gr
  • 2 cucchiai di miele

Ingredienti per la pasta

  • Semola rimacinata 1 kg
  • Semolato rimacinato 1 kg
  • Strutto 600 gr
  • Acqua zuccherata 500 ml

Per la preparazione della pasta, versiamo nella planetaria la farina, il semolino, lo strutto e i 500 ml di acqua.

Facciamola lavorare per alcuni minuti fino a quando sarà della giusta consistenza e poi facciamola riposare per 30 minuti.

Ora prepariamo il ripieno che eventualmente potrebbe essere preparato anche qualche giorno prima e lasciato a temperatura ambiente.

Mettiamo sul fuoco lo zucchero, acqua e limone grattugiati e facciamo bollire per 30 minuti a calore moderato verificando che si appiccichi alle dita.

Aggiungiamo le mandorle e cuociamo per altri 15 minuti mescolando in continuazione. Quando il composto diventa omogeneo aggiungiamo i canditi e il miele mescolando ancora un po’.

Cambiamo il recipiente e togliamolo dal fuoco. Con un cucchiaino versare un po’ di composto sulla pasta precedentemente preparata e stesa con il mattarello.

Facciamo attenzione a non mettere troppo ripieno altrimenti i ravioli dolci potrebbero aprirsi e far fuoriuscire il ripieno.

Ritagliamo i dolcetti con uno stampo per ravioli rotondo. Friggiamo in olio caldo e polverizzare con zucchero a velo.

Top