Calcata


Stemma di Calcata
Calcata è un piccolo centro edificato su una ‘isola’ di tufo che galleggia su un mare di argilla, nella valle del Treja a nord di Roma, ed è considerato uno dei borghi più suggestivi del Lazio. L’incontro fra tufo e argilla ha dato origine ha paesaggi particolari in cui le pieghe del terreno emergono da una vegetazione rigogliosa e strepitosa.

Questa area fa parte dell’Agro Falisco che prende il nome dall’antico popolo pre-Etrusco che la abitava intorno all’VIII secolo AC. Questa presenza si ritrova nelle rovine sparse della città di Narce, che si trova su un colle vicino a quello di Calcata, dove si possono vedere i resti di un antico tempio, e una necropoli sull’altopiano di Pizzo Pede.

Il borgo e il nome di Calcata compaiono per la prima volta in un documento del medioevo redatto alla fine del 700 quando era papa Adriano I. Di questo periodo restano i ruderi della chiesa di Santa Maria.
Continua a leggere la storia

In quel periodo di forte incursioni barbariche, gli abitanti che nel periodo romano abitavano le pianure si rifugiarono in collina in fortezze e castelli. Intorno al 1200 Calcata è sotto il controllo della famiglia degli Anguillara che rafforzarono il castello e la cinta muraria.

Per la sua posizione strategica, Calcata non è mai stata al centro delle vicende politiche e uno dei pochi episodi che vengono riportate nelle cronache è quello della cattura del lanzichenecco nel 1527.

I lanzichenecchi erano un esercito di mercenari arrivato a saccheggiare Roma al seguito dell’imperatore Carlo V.

Questo soldato aveva derubato il Sancta Sanctorum di San Giovanni in Laterano e trafugato il reliquiario con il Santo Prepuzio. La leggenda racconta che dopo la circoncisione di Gesù la Madonna aveva conservato il prepuzio e che questo era arrivato in dono da un angelo a Carlo Magno che lo portò a Roma nel medioevo.

La reliquia fu trovata da questo soldato e ritrovata 30 anni dopo proprio nella cella dove era stato rinchiuso a Calcata e da allora iniziò un pellegrinaggio. Venne concesso che tutti i pellegrini avrebbero avuto una indulgenza di dieci anni. La reliquia è misteriosamente scomparsa 40 anni fa circa.

La città ha un solo ingresso e nel corso degli anni ha cambiato tipo di abitanti. Negli anni '30 il paese era stato dichiarato inagibile e abbandonato dai residenti che costruirono Calcata Nuova a 2 km.

Solo negli anni novanta un decreto ha salvato il paese dall'abbattimento coatto ed è avvenuto un miracolo.

Oggi il borgo medioevale è un pullulare di botteghe artistiche e artigiane con artisti provenienti da ogni parte del mondo: belgi, olandesi, americani. Ci sono poi ancora degli hippies che abitano le grotte scavate nel tufo della rocca su cui si erge il paese. Calcata ospita anche esperti digitali ed è sede di un centro di arte telematica.
 
 




Riserve Naturali 

Dal paese si può accedere a diversi percorsi naturalistici, a piedi o a cavallo, che rivelano sorprese emozionanti come la visita alle vicine Cascate di...
Esperienze Speciali 

A Calcata, la Grotta Sonora è un'installazione molto suggestiva in cui sono esposte originale sculture sonore, prevalentemente in ferro. Sono sculture che...

Calcata è definita il ‘borgo degli artisti’ per l’alto numero di persone creative che la frequentano da tutto il mondo, che hanno deciso di vivere e lavorare...

Architettura e monumenti 

Il borgo medievale è uno dei più suggestivi del Lazio: si accede da un’unica porta nelle mura e si arriva in una pittoresca piazzetta arredata con tre curiosi...

Sono 7 opere scultoree in tre pietre del Lazio, delle vere pause d'arte poste lungo il Sentiero Ceciuli ed installate permanentemente nel 2013. Un percorso...
Chiese e luoghi di culto 

La chiesa risale al XIV secolo ed è poi stata ristrutturata nel 1793 dalla famiglia dei Sinibaldi e si trova nel borgo antico.L’edificio ha un'unica navata e...

La chiesa è stata inaugurata nel 2009 ed è dedicata ai Santi Cornelio e Cipriano. Il progettista è il famoso architetto Paolo Portoghesi che ha voluto rendere...
Aree Archeologiche 

Le poche rovine della città falisca di Narce si trovano su uno sperone tufaceo opposto a Calcata. Ai piedi di questo sperone sorge un antico tempio falisco.
Musei Naturalistici 

Domenica 13 Giugno riapre il Museo a cielo aperto Opera Bosco, fiore all'occhiello del borgo di Calcata in Provincia di Viterbo. Un percorso sensoriale che da...
Musei Particolari 

Il museo è un laboratorio sperimentale all'aperto di arte contemporanea inaugurato nel 1996, fa parte del MUSART, il sistema museale della Regione Lazio.Opera...

Blog 

Questo giovedì siamo andati a Calcata, il borgo del tufo, degli Etruschi e degli “hippie”! Continuiamo nel nostro viaggio alla scoperta dei borghi più belli...

Prodotti regionali: LAZIO

Al momento nello Shop non ci sono prodotti per questa regione.

Town Ambassador
Discover your italian Roots

 

Iscriviti alla Newsletter

Scopri un territorio attraverso le emozioni di chi l'ha raccontato in prima persona.