Genzano di Roma


Stemma di Genzano di Roma

Genzano di Roma si trova sul versante esterno del cratere del lago di Nemi.

Genzano ha origine da un castello a guardia del lago di Nemi. Nel 1153 papa Anastasio IV dà il possesso dell’area ai cistercensi dell’Abbazia di Sant’Anastasio alle Acque Salvie. Dal XIII al XV secolo il paese passò, con alterne vicende, dai monaci di Sant'Anastasio agli Orsini e ai Cistercensi e, quindi, ai Colonna. Le prime notizie sul territorio risalgono ad una bolla del 1183 di Papa Lucio III che donava ai monaci cistercensi dell'Abbazia delle Tre Fontane il "Fundum Gentianum".

Probabilmente furono i monaci ad edificare sul colle, nel 1225, il castello. Il paese si forma, quindi, durante il medioevo con il castello fortificato e il primo nucleo abitato è tutto all’interno della cinta del castello.

Nel 1564 fu acquistato dalla famiglia Sforza Cesarini che lo amministrò fino all’unità d’Italia.    E' ai duchi Cesarini, soprattutto a Giuliano II e a Livia Sforza Cesarini, che si deve l'edificazione della città: le ‘olmate’ “delizia de’ villeggianti e maraviglia de’ forastieri”, il tridente barocco e la prima infiorata storica del 1778.



Prodotti tipici 

La produzione del pane era così radicata e diffusa che scandiva il passare delle ore e della giornata. Intorno al 1600 la cultura del pane era così diffusa...
Vini tipici 

Genzano fa parte dell’area in cui si produce il vino bianco Colli Lanuvini. Le uve sono di Malvasia bianca di Candia, Trebbiano, Trebbiano di Soave e Malvasia...

Parchi e giardini 

Genzano di Roma fa parte del Parco dei Castelli Romani che comprende 15 comuni disposti sul cratere di un vecchio sistema vulcanico. L’area presenta un...

Il parco Sforza Cesarini è unico nel panorama dei Castelli Romani per il suo stile inglese, suggestivo e magico. Si estende su un pendio che dal centro...
Archeoturismo 

Le rovine del castello di San Gennaro di Genzano di Roma hanno permesso di riconoscere almeno tre momenti storici importanti che ricostruiscono la storia dei...

L’origine delle Olmate risale alla metà del ‘600, quando Giuliano Cesarini realizza i viali alberati con una organizzazione spaziale a tridente a Genzano di...
Necroturismo 

Il "camposanto" di Genzano di Roma rappresenta un dei luoghi storici più interessanti della città con una sua purezza formale perseguita forme geometriche...
Sagre 

La festa del pane di Genzano di Roma è un fine settimana dedicato ad uno dei più noti prodotti tipici dei castelli romani. E' stato il primo pane italiano ad...
Feste Religiose 

Genzano di Roma festeggia il suo patrono San Tommaso di Villanova, un religioso spagnolo figlio di un mugnaio e famoso per dividere il suo pane con i...

Architettura e monumenti 

Le fontane Clementine di Genzano di Roma vengono costruite in occasione dei lavori dei nuovi acquedotti nel 1777. Furono posizionate sulla strada Livia e...

La fontana della Colonna è il simbolo di Genzano di Roma ed è stata disegnata nel 1776: una colonna avvolta in tralci si uva. Alla base della colonna si...
Chiese e luoghi di culto 

La chiesa di Santa Maria della Cima a Genzano di Roma risale al XIV secolo. E' stata costruita dai cistercensi dell’abbazia di Sant’Anastasio alle Acque...

La chiesa e il convento dei Cappuccini sono uno dei fulcri del ‘sistema delle olmate’ volute da Giuliano Cesarini. Le Olmate sono una rivoluzione urbanistica...

Lifestyle 

AMaViS è rappresentativo del migliore stile italiano! Come molti altri grandi laboratori di stilisti e artigiani condivide l’inizio in una piccola cittadina,...
Luoghi Speciali 

Il giorno del Corpus Domini le vie e i vicoli di molti borghi italiani si riempiono di tappeti di fiori sui quali passa la processione, ma ce ne è uno che si...
Blog 

Questo giovedì abbiamo parlato di Genzano di Roma, insieme al suo Sindaco Carlo Zoccolotti! Un borgo che aspettiamo di tornare a trovare, e che nel frattempo...

Prodotti regionali: LAZIO

Al momento nello Shop non ci sono prodotti per questa regione.

Town Ambassador
Discover your italian Roots

 

Iscriviti alla Newsletter

Scopri un territorio attraverso le emozioni di chi l'ha raccontato in prima persona.