L’incantevole Root Art del maestro Bishwomver Lamichhane dal Nepal

L’incantevole Root Art del maestro Bishwomver Lamichhane dal Nepal

L'arte è un linguaggio mondiale ed esprime i nostri sentimenti in un modo bello e attraente. Deve avere emozioni e dovrebbe essere vicino alla verità dell'umanità. Quindi, l'arte senza bellezza è senza peso, emozione e creazione.

Tra le arti concettuali, ce ne è una rara pratica che si chiama Root Art o Arte dalle Radici.

In un remoto distretto in Nepal chiamato Sindhuli, c'è il villaggio di Dhakalgaun e qui si trova un raro museo di Root Art che delizia i turisti locali.

Le opere d'arte sono state realizzate dal signor Bishwomver Lamichhane, un uomo di 58 anni, e sono esposte nella sua casa che raccoglie quasi 3 decenni di lavori, cioè da quando ha iniziato a realizzarle.

Cos'è la Root Art? Perché si chiama Root Art? Come è cominciato il tutto?

Anche se è una nuova forma d’arte a, è un tipo di arte che esisteva da secoli. Ma è sempre stata effettivamente ‘sotterranea’, sia metaforicamente che letteralmente.

Le radici sono le parti degli alberi che giacciono sotto terra invisibili agli esseri umani.

Puoi trovarle quando abbatti un albero - che è contro natura in ogni modo - o quando ti addentri nei boschi o nei fiumi o nelle aree franose alla ricerca di alberi morti con radici non ancora decomposte.

Bishwomver Lamichhane lo fa da anni ormai. Va fuori cercando di trovare radici e viene aiutato dalla famiglia e dagli amici. Quindi cerca di vedere cosa la singola radice può simboleggiare e la porta a casa.

L'artista è un avvocato di professione ma la sua passione è trovare le radici morte e dare loro un significato in armonia con ciò che ha visto. Dice che la bellezza dei nodi delle radici che erano rimasti inutili - o probabilmente aspettavano di essere trovati - lo aveva attratto.

In queste radici ha visto un mezzo per esprimere i suoi sentimenti e desideri ed è così che tutto è iniziato. Senza alcuna conoscenza e studio preliminare di arte delle radici, è come un miracolo del Signore Buddha che illumina la vita senza un guru.

La sua prima arte si chiamava corna e assomigliava alla testa di un cervo, la seconda era una montagna bianca con l'interno nero che significava l'effetto del riscaldamento globale sulla bellissima natura.

Dopo poche altre opere d'arte, è stato spinto dalla sua famiglia e dai suoi amici ad approfondire e voleva sapere di più sulla storia dell’origine di questa arte.

In quel luogo remoto senza Internet e pochissimi libri, tutto ciò che riuscì a trovare era che l'arte delle radici era una pratica antica in paesi come la Germania e la Cina per secoli.

Le radici sono state utilizzate anche come mobili e alcune come arte, ma non è riuscito a trovare alcun museo che raccogliesse tali opere d'arte. Non ci sono artisti famosi conosciuti e questo gli ha dato più motivazioni come se fosse l'unico che avesse iniziato a creare arte fatta solo dalle radici.

Le radici sono semplicemente intagliate, per lo più viene dato loro solo il tocco finale.

Possiamo vedere forme di vita sociale nelle sue forme d’arte, è stato un modo per riflettere gli svantaggi e gli ostacoli che si soffrono nell'arte, nella cultura, nella politica così come la bellezza dell'amore e della bontà religiosa.

In questo tipo di arte, la forma spirituale della materia viene mostrata al posto di disegnare la forma fisica visiva della materia secondo la nostra esperienza.

Ciò che rende uniche le opere di Root Art è che un artista del legno o un pittore può duplicare le sue arti quanto vuole, ma ogni pezzo di Root Art ha una forma particolare proprio come l'impronta del pollice che non può essere abbinata a un'altra.

Il museo è un museo semplice in quanto l'artista ha sistemato due stanze della sua residenza per esporre la sua arte ed è gratuito per gli amanti dell'arte in qualsiasi momento della giornata.

Le sue opere d'arte non sono in vendita perché crede che un'eredità che vuole lasciarsi alle spalle è che ha contribuito in qualche modo a promuovere l'Arte delle Radici nel mondo.

Se dovesse vendere la sua arte, quei pezzi potrebbero dargli dei bei soldi ma finiranno per essere l'arredamento di una stanza. In futuro, se qualcuno vuole studiare quel pezzo di Root Art, sarà impossibile.

L'appello dell'artista è per una donazione per creare un vero museo per queste oltre 300 opere che le persone possono venire a visitare. Un museo che promuova la Root Art e il turismo. E per questo credo che un'arte così rara debba essere promossa inizialmente e possibilmente aiutata dagli appassionati d'arte.

La sua root art può essere vista anche su Instagram su ID: Rootartgallery